Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'altra animazione: il cinema dei pupazzi e degli oggetti animati

Percorso storico-critico con elementi di riferimento alla tecnica dell'animazione stop motion

Mostra/Nascondi contenuto.
2 Introduzione Riguardo al cinema d'animazione, secondo il regista A. Alexeieff, si fanno due errori: il primo consiste nel confonderlo con il disegno animato, il secondo nel considerare il film d’animazione come una specie di "cinema", mentre potrebbe altrettanto bene trattarsi di pittura, di disegno, di incisione o anche di scultura in movimento. In realtà, attenendoci alle categorie enumerate da G. Rondolino, individueremo all'interno del cinema d'animazione, vari rami d'azione, ossia: il disegno animato, il film di pupazzi, marionette e oggetti animati, il film disegnato direttamente su pellicola, la manipolazione della pellicola, il montaggio di immagini statiche. In qualche altro testo sull'argomento si aggiunge la tecnica digitale, ma sarebbe bene fare un distinguo, in quanto tutte le produzioni rientranti nella categoria "cinema d'animazione" hanno come punto in comune la tecnica, ossia la ripresa a passo uno anche detta "a passo singolo", "fotogramma per fotogramma" o per gli anglofili "one turn one picture", "frame-by-frame" o più semplicemente "stop-motion". Con questa tecnica la pellicola, durante la ripresa, non si fa scorrere con continuità a 24 fotogrammi al secondo, ma si procede avanzando un fotogramma alla volta. Esistono centinaia di libri che trattano di disegni animati ("cartoni animati" è una cattiva traduzione di "cartoons"), del cinema d'animazione in generale, dell'animazione sperimentale e, di contro, pochi sul cinema di pupazzi e oggetti. Animazione significa ancora oggi soltanto disegni animati. L’intento primario dello scritto è prima di tutto quello di esplorare le possibilità di “un’altra animazione”, ossia quella

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Umanistiche

Autore: Marco Pugliese Contatta »

Composta da 82 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6239 click dal 23/04/2007.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.