Skip to content

Don Guido Maurilio Turla: appunti per una biografia.

Informazioni tesi

  Autore: Vera Ercoli
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2005-06
  Università: Università Cattolica del Sacro Cuore di Brescia
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Filologia moderna
  Relatore: Egidio WalterCrivellin
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 251

La scelta di scrivere una tesi su don Guido Maurilio Turla, nasce dall’interesse per una delle figure più poliedriche e trascinatrici del Novecento in Vallecamonica. Il suo nome, conosciuto ben oltre i confini della Valle, richiama a chiunque il suo grande impegno per gli alpini, l’edificazione di un tempio in onore dei caduti, la stesura di un diario di guerra che ottenne grandi consensi di critica e di pubblico.
Ma nonostante la sua opera sia così nota e nonostante molta gente nutra grande affetto per la figura di questo sacerdote, nessuno studio sistematico è stato finora affrontato sul suo pensiero e sulla sua azione.
In questo lavoro, si portano alla luce alcuni spunti interpretativi utili per meglio comprendere la personalità del sacerdote. In mancanza di un’opera che tratteggi in modo globale le linee fondanti della sua vita, si è preferito optare per un lavoro di interesse generale e non incentrato dunque su aspetti specifici, che sono lasciati aperti ad ulteriori approfondimenti.
In questo sguardo d’insieme, tuttavia, sono emersi alcuni temi che svolgono da filo conduttore all’intera vita del sacerdote.
Questi sono il francescanesimo e la devozione mariana, che portarono alla sua scelta di cappellano militare e alla successiva edificazione del tempio di Boario Terme dedicato alla memoria di tutti i caduti al fronte; investono poi il suo impegno a favore di alpini e reduci, sia come ex cappellano militare, sia come rettore del tempio della Madonna degli Alpini; riguardano inoltre il suo pensiero politico, in base agli scritti del diario parrocchiale in cui il sacerdote commentai principali avvenimenti di interesse locale, nazionale e mondiale; e infine il suo spiccato interesse per i giovani, e la sua azione in favore di questi, per la loro crescita morale e spirituale in contrasto con il ‘borghesismo’ e il materialismo introdotto nella società italiana dopo il boom economico degli anni Sessanta.
Sono, questi ultimi, gli aspetti forse meno noti del sacerdote, che viene ricordato soprattutto per la sua grande umanità, per la sua vicinanza a reduci e famigliari di caduti e dispersi, e per l’opera più tangibile dell’edificazione del tempio e della parrocchia di Boario.
Il lavoro ha preso in considerazione come fonti principali il diario di guerra, nelle diverse sue pubblicazione e nella sua evoluzione; il diario parrocchiale compilato da don Turla nei venticinque anni di attività nella parrocchia di Boario Terme da lui stesso fondata e i bollettini parrocchiali relativi a questo lungo periodo che ricalcano la sua impronta e il suo pensiero.
Molto però resta ancora da fare: alcuni aspetti accennati in questa tesi richiederebbero ulteriori approfondimenti. Tra questi la sua azione per gli alpini per la quale non è stato possibile consultare l’archivio conservato dalla sezione alpini-coro ANA di Darfo Boario Terme.
Tra le questioni ancora scarsamente indagate rientrai il rapporto con mons. Vittorio Bonomelli, vicario foraneo di Breno e cappellano militare in seno alla compagnia dei paracadutisti, con cui don Turla ebbe in comune l’esperienza del fronte.
Lo stesso potremmo dire a proposito del rapporto privilegiato con don Carlo Comensoli, arciprete di Cividate Camuno attivo nella resistenza. Di questo rapporto andrebbe maggiormente messa in luce l’ideologia democristiana che accompagna l’anticomunismo e l’antisocialismo dei due sacerdoti, in un’epoca in cui l’affermazione di questo partiti presso le classi operaie è vissuta come grave pericolo per l’intera nazione, soprattutto sulla scorta dell’esperienza russa di cui molti (tra cui don Turla stesso) sono stati testimoni in prima persona come prigionieri di guerra ed internati nei gulag sovietici.
Così come resta ancora da approfondire l’attività di don Turla come presidente della sezione provinciale dell’Associazione Nazionale Cappellani militari in congedo.
Nonostante molti aspetti della complessa figura del sacerdote restino ancora da sondare, si è inteso fornire in questo lavoro alcuni appunti essenziali circa la sua biografia, appunti che riteniamo utili come base per chiunque intenda accingersi ad ulteriori studi, più specifici, circa la figura di don Turla.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione. La scelta di scrivere una tesi su don Guido Maurilio Turla, nasce dall'interesse per una delle figure più poliedriche e trascinatrici del Novecento in Vallecamonica. II suo nome, conosciuto ben oltre i confini della Valle, richiama a chiunque il suo grande impegno per gli alpini, 1'edificazione di un tempio in onore dei caduti, la stesura di un diario di guerra che ottenne grandi consensi di critica e di pubblico. Ma nonostante la sua opera sia cosi nota e nonostante molta gente nutra grande affetto per la figura di questo sacerdote, nessuno studio sistematico e stato finora affrontato sul suo pensiero e sulla sua azione. In questo lavoro, si portano alla luce alcuni spunti interpretativi utili per meglio comprendere la personalità del sacerdote. In mancanza di un'opera che tratteggi in modo globale le linee fondanti della sua vita, si è preferito optare per un lavoro di interesse generale e non incentrato dunque su aspetti specifici, che sono lasciati aperti ad ulteriori approfondimenti. In questo sguardo d'insieme, tuttavia, sono emersi alcuni temi che svolgono da filo conduttore all'intera vita del sacerdote. Questi sono il francescanesimo e la devozione mariana, che portano alia sua scelta di farsi cappellano militare a alia successiva edificazione del tempio di Boario Terme dedicate alla memoria di tutti i caduti al fronte;

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

alpini
boario
camonica
diario di guerra
gulag
madonna nevi
prigionia
russia campagna
russia ritirata
sacerdote
sette rubli per il cappellano
sulzano
tempio madonna alpini
turla

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi