Skip to content

Tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori

Informazioni tesi

  Autore: Rosa Rossiello
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi di Bari
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: LAUREA SPECIALISTICA IN GIURISPRUDENZA, INDIRIZZO PUBBLICISTICO
  Relatore: Gaetano Veneto
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 293

La crescente importanza della tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori ha stimolato una notevole produzione legislativa in Italia e all’estero.Ciò ha determinato e continua a determinare,1disordine normativo che rende difficile l’attuazione, a scapito della tutela dei lavoratori, portando a problemi di coordinamento con la legislazione precomunitaria, dovuti al fatto che non sempre è possibile integrare la normativa di più recente produzione con quella precedente.Prima dell’emanazione del D. Lgs.626/94, l'ordinamento, era costituito solo da poche norme.Nella rappresentazione di questo lavoro ho ritenuto inevitabile procedere ad una analisi evolutiva del sistema legislativo diretto alla tutela della salute e sicurezza del lavoratore, con la lettura dei principi contenuti nella Costituzione (art. 32, 41 ecc.), passando dalle norme del codic. Civile art. 2087, statuto dei lavoratori e leggi speciali, i D.P.R. 547/1955, D.P.R. 306/1956. Principi che costituiscono le fondamenta della tutela del lavoratore. Si è accennato inoltre a quella vasta opera di semplificazione della produzione legislativa volta all’emanazione di un T.U., sollecitamente predisposto a seguito della legge delega n. 229/2003, ma non andato a buon fine. Ad oggi si registra un forte impegno da parte degli organi politici, innanz. nella finanziaria 2007, ma soprattutto con l’approvazione, da parte del Consiglio dei Ministri, dello schema di disegno di legge per il conferimento al Governo della delega all’emanazione di un testo unico. In materia di sicurezza, l’innovazione è data dall’emanazione del D. Lgs. n. 626/94, che costituisce un arricchimento e un perfezionamento della normativa.Nella seconda parte del mio lavoro ho tracciato un quadro illustrativo del composito sistema vigente, alla luce del fondamentale decreto illustrando i soggetti sui quali ricade il dovere di sicurezza, dirigenti e preposti, che assieme al Datore di lavoro, sono i principali garanti della sicurezza nonché le relative responsabilità; seguono i soggetti innovativi:il Responsabile del SPP, il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza, medico competente; figure introdotte con l’obiettivodi garantire la presenza costante in tutti i luoghi di lavoro, di personale competente sulla sicurezza e di dare attuazione a quella logica di coinvolgimento che si fonda sull’assunto che l’obiettivo della sicurezza sul lavoro non può prescindere dalla effettiva partecipazione dei lavoratori.
Nell’attività di vigilanza, molti aspetti sono cambiati nel tempo con il susseguirsi delle varie discipline legislative, rispetto ai comportamenti dei soggetti vigilanti, oltre che rispetto alla specificità dei rischi presenti nelle varie categorie di lavorazioni, attuando inevitabilmente una frammentazione ed una poco chiara segmentazione delle competenze attribuite dal legislatore, con la conseguenza di un’errata connotazione sull’efficacia delle attività di vigilanza, soprattutto tra il Servizio di prevenzione delle ASL localmente competenti , ed i Servizi ispettivi della Direzione provinciale del lavoro, ex Ispettorato del lavoro.A seguito della riforma del Servizio Sanitario Nazionale, Legge 833/78, i compiti ed i poteri formalmente affidati all’Ispettorato del lavoro, vengono assunti dalle USL (poi trasf. In ASL) competenti per territorio, anche se comunque non viene fatta venir meno la possibilità e la capacità dell’ispettorato del lavoro di vigilare sull’applicazione della legislazione in materia di sicurezza.
Nell’aprile 2004 è stato emanato il D. Lgs. 124/2004, riforma dei servizi ispettivi, recante disposizioni, per la razionalizzazione delle funzioni ispettive in materia di lavoro, proseguendo e soprattutto estendendo con nuove funzioni, quelle iniziali indicazioni già espresse dal D. Lgs. 758/94 sull’idea di un sistema di vigilanza aperto al confronto e non inibitorio, affiancando alla tradizionale funzione repressiva e di controllo propria degli ispettori di vigilanza, anche un insieme di attività di prevenzione, formazione ed informazione in materia di rapporti di lavoro che ben si coglie nella riforma attuata da tale decreto.Nell’analisi di questo lavoro, altra fonte di forte spessore innovativo e di collegamento al D. Lgs. 626/94 è il D. Lgs. 758/94, che colloca l’accento soprattutto sulla vigilanza e gli strumenti attuativi, operativi nell’applicazione delle disposizioni di legge in materia di sicurezza sul lavoro.
Il legislatore con tale decreto, ponendosi come obiettivo primario, il raggiungimento di una “sicurezza diffusa”, concede al contravventore di norme antinfortunistiche, la possibilità, attraverso un comportamento riparatorio, di attuare, se pur tardivamente la legislazione in materia di sicurezza, per mezzo di una particolare procedura estintiva, grazie all’istituto della “prescrizione obbligatoria” introdotto dagli art.20 e succ. del d. lgs 758/94.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Il tema della prevenzione degli infortuni e delle malattie professionali, e più in generale il problema della sicurezza sui luoghi di lavoro, si può far risalire alla fine del XIX secolo, quando lo sviluppo delle grandi industrie e l’aumento della popolazione nelle fabbriche ha reso il problema di dimensioni e gravità crescenti. La funzione primaria della legislazione del lavoro è stata quella di imporre regole per proteggere direttamente il lavoratore. Ciò ha portato all’emanazione di numerose norme e principi molto spesso divergenti e in contrasto tra loro che hanno generato nel corso degli ultimi due secoli frequenti conflitti dottrinari e fratture nella disciplina giuridica. Sebbene il problema della sicurezza sui luoghi di lavoro, fosse considerato da sempre un elemento di indubbia importanza per ogni società democraticamente evoluta è importante sottolineare che, anche se nel tempo si è ampliata e strutturata la capacità di intervento al problema della sicurezza sul lavoro e sulle figure strutturali e funzionali che ne fanno parte, viene talvolta ad essere dispersiva e poco chiara. I

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

art. 2087 c.c.
art. 32, 41 cost.
asl
d.lgs.124/2004
d. lgs. 626-94
d.lgs. 758/94
datore di lavoro
dirigente
infortuni
medico competente
morti bianche
obblighi dei lavoratori
preposto
prescrizione obbligatoria
rappresentante dei lavoratori per la sicurezza
responsabilità penale
servizio prevenzione e protezione
t.u. sulla sicurezza sul lavoro
vigilanza amministrativa e penale
vigilanza in materia di sicurezza sul lavoro

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi