Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Pubblicità e fund raising nelle organizzazioni senza scopo di lucro

Nel testo viene messo in luce il rapporto tra organizzazioni non profit e sistema economico/imprenditoriale, il fatto che i due attori possono reciprocamente influire l’uno sull’altro.
Nel non profit infatti, spesso i servizi sono offerti in modo gratuito per cui si crea un disallineamento tra costi e ricavi tale da implicare la necessità di integrazioni di fondi. L’obiettivo principale di questo lavoro, quindi, è quello di evidenziare l’importanza che la comunicazione pubblicitaria assume per le organizzazioni senza scopo di lucro, soprattutto nel caso in cui queste associazioni non dispongano di un patrimonio tale da finanziare le proprie attività e siano dunque orientate al fund raising.
Il fund raising non è un insieme di atti isolati, ma si inserisce in un piano complesso di interventi, legato alle finalità generali dell’organizzazione non profit, che origina un vero e proprio piano di azione. Le attività di fund raising sono orientate dagli interessi che l’organizzazione si propone di soddisfare, dai valori di cui è portatrice, dagli specifici obiettivi che si è prefissata.

La tesi "Pubblicità e fund raising nelle organizzazioni senza scopo di lucro" è risultata vincitrice della 12° edizione del Concorso "Pier Daniele Melegari" per la premiazione di tesi di laurea sostenute nelle Università milanesi.

Mostra/Nascondi contenuto.
a L’obiettivo principale di questo lavoro, quindi, è quello di evidenziare l’importanza che la comunicazione pubblicitaria assume per le organizzazioni senza scopo di lucro, soprattutto nel caso in cui queste associazioni non dispongano di un patrimonio tale da finanziare le proprie attività e siano dunque orientate al fund raising. Per far questo, in una prima fase si è pensato di analizzare, in modo separato, il processo di comunicazione in generale, riferito alle aziende, e il mondo del non profit, con particolare riferimento alla realtà italiana. In un secondo momento i due aspetti sono stati integrati per approfondire le modalità con cui un’organizzazione non profit può applicare con successo una vera e propria strategia di comunicazione adattandola alle caratteristiche particolari del settore in cui opera. Infine, in virtù del fatto che le associazioni del terzo settore non perseguono fini lucrativi, ma devono pur sempre agire in condizioni di economicità per provvedere al loro sostentamento e poter svolgere le loro attività istituzionali, si è prestata molta attenzione al modo in cui un’organizzazione non profit riesce a procurarsi le risorse necessarie, mettendo in atto una vera e propria strategia di fund raising. Nel dettaglio, nel primo capitolo si evidenzia l’importanza che la comunicazione assume nella vita di tutti i giorni e soprattutto nella realtà delle aziende; proprio per questo la comunicazione non si può improvvisare. E’ necessario analizzare la situazione dell’azienda e dell’ambiente esterno, valutare cosa si desidera dire, a chi si desidera dirlo e in che modo farlo. Le finalità della comunicazione aziendale sono di diverso tipo: persuasive, istituzionali ed organizzative. La comunicazione di marketing è quella diretta a persuadere il potenziale acquirente; quella istituzionale è intesa a far conoscere l’impresa, i suoi valori, la sua missione; la comunicazione organizzativa, infine, si rivolge all’interno dell’azienda ed è fondamentale per il funzionamento della stessa. L’impresa può scegliere di comunicare con i propri interlocutori in maniera diretta, personalizzando il messaggio trasmesso, in maniera indiretta, sfruttando strumenti come la pubblicità e le promozioni alla vendita, oppure servendosi

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Simona Sebastiana Sanfilippo Contatta »

Composta da 270 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6910 click dal 08/05/2007.

 

Consultata integralmente 24 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.