Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La sociologia della musica in Th. W. Adorno. Riflessioni filosofiche sulla musica moderna e contemporanea

La mia tesi vuole indagare il pensiero di Adorno, uno dei pochi personaggi storici che si sia occupato della musica in termini filosofici e che offre ancora oggi spunti di riflessione su tematiche di notevole interesse, quali la regressione dell'ascolto e la musica ridotta a feticcio.
Il mio lavoro si è concentrato in particolare sulla INTRODUZIONE ALLA SOCIOLOGIA DELLA MUSICA, IL FIDO MAESTRO SOSTITUO, DISSONANZE e FILOSOFIA DELLA MUSICA MODERNA. ne sono nati tre capitoli riguardanti GLI ASCOLTATORI MUSICALI, MUSICA COME FETICCIO E REGRESSIONE DELL'ASCOLTO e MUSICA MODERNA.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 INTRODUZIONE Perché Adorno? Solo in seno ad un’umanità pacificata e soddisfatta l’arte cesserà di vivere: la sua morte oggi, come minacciosamente si profila, sarebbe unicamente il trionfo del puro e semplice “esserci” sulla visione della coscienza, che ha la presunzione di opporgli resistenza. Th. W. Adorno, Filosofia della musica moderna. Nelle diverse biografie su Theodor Ludwig Wiesengrund Adorno si legge sovente che egli fu un pensatore che non si è mai deciso se occupare la professione di musicista o di filosofo. Questa indecisione è stata il punto di partenza e la costante che per tutta la vita lo ha visto impegnato nella produzione di saggi sulla filosofia della musica. In particolar modo il mio interesse è stato quello di studiare le sue analisi della sociologia della musica con un’attenzione speciale alle problematiche contemporanee. Pertanto i testi sui quali il mio studio si è maggiormente concentrato sono stati la Introduzione alla sociologia della musica del 1962, le Dissonanze del 1956, Il fido maestro sostituto del 1963 e la Filosofia della musica moderna del 1949. Ne sono nati tra capitoli intitolati gli ascoltatori musicali, musica come feticcio e regressione dell’ascolto e filosofia della musica moderna. Nel primo capitolo ho studiato la suddivisione degli ascoltatori musicali in base al loro diverso approccio percettivo nei confronti della musica. Nel secondo ho voluto indagare un aspetto decisivo della filosofia della musica dell’autore perpetuato in numerosi suoi scritti, quale l’idea di musica come feticcio e la regressione dell’ascolto; dopo aver preso in considerazione le cause e gli effetti

Tesi di Laurea

Facoltà: Filosofia

Autore: Federico Scarioni Contatta »

Composta da 55 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 10576 click dal 15/05/2007.

 

Consultata integralmente 11 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.