Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Tremila anni di lavoro nella valle dell'Allione dalla siderurgia antica alla produzione della grafite artificiale alla piccola industria

Storia della valle dell'Allione, delle sue risorse ( miniere di ferro ) , dell' industrializzazione, dalla siderurgia antica fino ad arrivare alla produzione della grafite artificiale e agli odierni insediamenti industriali di forno d'Allione.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 A) L’INDUSTRIALIZZAZIONE “PREISTORICA” 1) IL TERRITORIO Per quasi 3000 anni (dal 1000 A. C. al XIX° secolo) le miniere di ferro sono state la fonte della ricchezza della valle dell’Allione. Molti secoli fa , dopo l’ultima glaciazione, i ghiacciai lasciarono la valle e nel corso dei millenni, il fondovalle e le pendici dei monti, si sono ricoperti di vegetazione e popolati di animali. L’uomo, oltre che cacciare, ha abbattuto foreste e dissodato terreni per ottenere aree coltivabili, ha poi costruito strade e dimore insediandosi nel territorio e vivendo dei prodotti della terra, della caccia e dell’allevamento. Solo più tardi ha riconsegnato alla foresta campi, prati e pascoli, abbandonando, in parte, l’agricoltura e l’allevamento, per darsi all’estrazione e alla lavorazione del ferro. La valle è molto stretta, con montagne che cadono a picco sul torrente Allione, il perimetro del suo territorio si estende per 90 Km e passa dai 474 metri s.l.m. di Forno Allione ai 2744 del monte Sellero. Se la pendenza è una forza negativa per raggiungere le cime dei monti, essa si trasformerà in un’opportunità nel trasporto del minerale di ferro e nel futuro sfruttamento delle cascate dell’Allione per l’energia elettrica.

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Sara Bornatico Contatta »

Composta da 170 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 634 click dal 16/05/2007.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.