Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

TGCOM : tra la televisione e il web

La prova finale ha trattato la delicata trasformazione della professione giornalistica che si è declinata anche in quella del webgiornalista (come nel caso TGOM).
Un reporter informatico, un conoscitore delle tecniche di scrittura per il web e, insieme, un amante dell’informazione che si è trovato a dover fronteggiare le nuove tecnologie e tutto quello che ne comporta in termini lavorativi (quindi anche economici e organizzativi), andando verso una professionalità del tutto nuova.
Da qui, emerge un altro aspetto importante relativo all’industria editoriale del web: i costi contenuti delle redazioni che lavorano online.
Arrivano i web-capo servizio, i web-redattori e il direttore della web-redazione. Spariscono i costi della carta e dell’inchiostro, ma anche quelli degli inviati e dei fotografi. La redazione fai-da-te di TGCOM (e più in generale delle redazioni online) garantisce un prodotto di qualità senza spese ingenti: i giornalisti scrivono gli articoli corredati da video (auto-girati) e fotografie (provenienti dalle agenzie predisposte), e il sistema multipiattaforma Polimedia si occupa del resto.
E i numeri (visitatori unici e pagine viste) parlano da soli.
Si è voluto affrontare un argomento che esulasse dalla esposizione del caso TGCOM, ma che contemplasse il resto del panorama: le nuove forme di condivisione della conoscenza.
TGCOM, infatti, privilegiando l’immediatezza e l’efficienza dei servizi informativi all’utente, ha trascurato aspetti che per altri costituiscono lavoro quotidiano: l’aspetto comunitario del sito e il contributo che se ne può cogliere.
Attraverso l’esperienza del giornalismo online, infatti, si sono sviluppati dei veri e propri “nuovi mondi” che hanno messo l’utente o, per dirla con Diego Galli “quelli che eravamo abituati a chiamare audience”, al centro del processo informativo.
L’utente contribuisce attivamente alla notizia attraverso commenti, suggerimenti, confronti diretti con i giornalisti o, a sua volta, con altri lettori. I mezzi che veicolano questo processo di comunicazione possono andare dalla più semplice community (e quindi forum, chat e quant’altro) a delle vere e proprie redazioni dove i navigatori e i giornalisti collaborano per raggiungere, con una certa sinergia fra loro, un prodotto di alta qualità.
A sostegno di questo nuovo scenario, i casi oltreoceano (OhMyNews.com, Newassignment.net e Wikipedia) e quelli italiani (dai forum di Corriere.it e Repubblica.it alle iniziative collaborative di Fai Notizia di Radio Radicale e Cityzen TV della multi-testata online Quotidiano.net) hanno esplicitato come il coinvolgimento degli utenti e l’ascolto attento nei loro confronti si possa tradurre nell’ottimizzazione delle varie attività produttive e organizzative, raggiungendo risultati efficienti, anche nel delicato caso del giornalismo online.
Se il giornalismo online ha subito delle trasformazioni nei linguaggi, nelle tecniche e nei processi organizzativi e industriali, la cultura del giornalismo sharing , catturando l’interesse di milioni di navigatori in tutto il mondo, ha modificato l’intero scenario della conoscenza, ribaltando quel concetto di passività, intrinseco anche nel più moderno servizio di invio SMS.
Ma Internet non si fermerà qui.
In un campo come quello della comunicazione, non possiamo definire o prevedere il futuro dell’evoluzione. Nel momento in cui arriviamo a pensare alla più evoluta forma di interazione fra uomini, avremo sempre a che fare con qualcosa che va oltre la nostra immaginazione.
La conoscenza si intreccia con la tecnologia: è un circolo che mette in gioco l’utilità del mezzo e il buon senso della mente umana, con l’obiettivo di rendere tutti più saggi e consapevoli.
Il giornalismo, in questo senso, si carica di una grande responsabilità.
Il tempo ce ne renderà partecipi.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione Questa prova finale si propone di fornire un quadro conoscitivo generale del giornalismo multimediale di oggi, un fenomeno che si è trovato ad attraversare cambiamenti radicali e continui adattamenti alle nuove tecnologie, contribuendo al formarsi di un nuovo rapporto notizia-lettore e di un’opinione pubblica sempre più attenta ed esigente. Internet soltanto qualche anno fa si presentava come la fotocopia elettronica di una pagina di giornale, trasferita dalla carta al monitor. Oggi i modelli della Rete, che in Italia sono riusciti a conquistare circa dieci milioni di utenti, influenzano le logiche di produzione di tutti i media, costretti a confrontarsi con le nuove modalità di composizione dei documenti reticolari e ad adottare la cultura dei bit. I quotidiani sono stati, senza dubbio, i mezzi di comunicazione che per primi si sono trovati a fare i conti con la crescita del web. In parte poiché Internet, così come i giornali, si è inizialmente sviluppata proprio come una rete di distribuzione di contenuti presentati prevalentemente sotto forma di testo; in parte perché le pagine elettroniche presentano una struttura delle informazioni, basata sugli ipertesti e sulle finestre, simile all’organizzazione delle notizie sui giornali. Quantità, velocità e competitività sono i tre paradigmi della nuova fase digitale, che vengono importati da tutti gli ambienti contaminati dalla Rete. È con queste tre parole chiave che il giornalista deve misurarsi per ribadire la

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Comunicazione e dello Spettacolo

Autore: Alessandra Lupinacci Contatta »

Composta da 75 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2194 click dal 22/05/2007.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.