Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Architetture di scena Socìetas Raffaello Sanzio Tragedia Endogonidia

La tesi mira all'analisi dell'importanza delle strutture sceniche all'interno della concezione teatrale della socìetas Raffaello Sanzio, gruppo teatrale fondato a Cesena nel 1981 e punta di diamante del teatro sperimentale contemporaneo italiano.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione Questo lavoro nasce dalla voglia di analizzare ed approfondire l’importanza delle scenografie all’interno del lavoro realizzato dal gruppo teatrale Socìetas Raffaello Sanzio che, ormai da vent’anni, rappresenta la massima espressione italiana nel mondo del teatro di ricerca. Non è esagerato affermare che la Socìetas Raffaello Sanzio sia in questo momento uno dei pochi gruppi teatrali al mondo che sappia interpretare la natura del teatro in un modo così radicale da sospingere davvero lo spettatore in territori sconosciuti, da trascinarlo, addirittura precipitarlo, in zone oscure dell'intelletto, portandolo dolcemente e violentemente oltre i confini di tutto ciò che crede di conoscere: il che vuol dire portarlo oltre le barriere dei significati, oltre i limiti delle emozioni quotidiane, oltre le percezioni stesse del suo sistema nervoso, oltre quelli che siamo soliti considerare i territori codificati dell'umano. L’utilizzo di una nuova lingua, straordinarie scoperte scientifiche, inedite idee politiche ed estetiche, il ritorno alla vita dopo la morte o la ricreazione del mondo dopo la sua distruzione attraverso rivelazioni religiose, sono alcune delle mirabolanti invenzioni - non solo teatrali - della Società Raffaello Sanzio. Con un divertito e raffinato gusto del paradosso, il gruppo di Cesena si è impegnato nell’esplorazione, e soprattutto nella distruzione, di miti contemporanei, che assumono la forma di ideologie e luoghi comuni. Credibili e insieme vanificati dalla finzione scenica,

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Simona Attollino Contatta »

Composta da 113 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3363 click dal 23/05/2007.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.