Skip to content

La fine del rischio zero

Informazioni tesi

  Autore: Giuseppe Vultaggio
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2003-04
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Scienze della Comunicazione
  Corso: Pubblica e organizzativa
  Relatore: Gunter Bechtle
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 67

La percezione del rischio tra i giovani in Italia

Dopo la catastrofe di Chernobyl dell’Aprile del 1986 e dopo l’attacco terroristico dell’11 Settembre 2001 alle Torri Gemelle ed al Pentagono, l’opinione pubblica e l’umanità in generale si chiede quale futuro stia arrivando.
L’uomo perde le sue certezze su cose ed eventi che ha sempre dato per scontato fino a quel momento ed è proprio da queste incertezze che inizia un “nuovo” corso di studi della sociologia, la quale incomincia ad interessarsi del fenomeno del rischio sociale e globale. Proprio nel 1986, il sociologo Ulrich Beck pubblicava “La società del rischio” dando inizio ad un percorso di analisi dei fenomeni contemporanei che porterà ad una serie di studi su che cosa sia il rischio e quali rapporti abbia con la società, la collettività, l’ambiente e tutto ciò che ad essi è connesso. Lo studioso scopre che c’è una consapevolezza crescente sul rischio, una precarietà e flessibilità del lavoro, una maggiore sensibilità ecologica. Da questo punto in poi e dopo aver acquisito quelle competenze di base necessarie per potermi muovere nel campo del “rischio” ho svolto un’indagine empirica tra i giovani universitari italiani.
Il primo passo è stato distinguere nel target da me scelto gli studenti in sede e quelli fuori sede nell’ottica di poter trovare possibili somiglianze e/o differenze tra i due campioni in esame riguardo la percezione del rischio e tutto ciò che ad esso è connesso come: la guerra, il terrorismo, la frammentazione sociale e la flessibilità del lavoro.
Ho proseguito il mio percorso di ricerca confrontando i dati ottenuti dai due campioni di riferimento dopo la somministrazione del questionario e ho scoperto delle valutazioni ampiamente previste ed altre invece neppure minimamente considerate.
Alla conclusione della mia indagine ho scoperto una sorta di “termometro sociale”, ovvero il target giovanile da me considerato è consapevole dei rischi che esistono, anche se è molto incerto riguardo il futuro, esso risulta essere nonostante tutto molto tradizionalista, crede ancora nel vincolo famigliare e crede nell’unione matrimoniali, ma questo non è sintomo di staticità, anzi i ragazzi hanno dimostrato di voler sperimentare cose nuove, continuare a studiare, a specializzarsi, hanno inoltre mostrato di avere una visione d’insieme di ciò che gli accade intorno e una consapevolezza dei rischi globali senza differenza di provenienza e soprattutto hanno espresso di avere fiducia nei confronti di una possibile convivenza con altre culture nell’ottica di una società cosmopolita ed è proprio questa la vera globalizzazione.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE A seguito della catastrofe di Chernobyl e del più recente attacco terroristico dell’11 Settembre, l’opinione pubblica ha incominciato a chiedersi cosa sta succedendo e soprattutto cosa dobbiamo aspettarci dal futuro. L’inizio di questa analisi può approssimativamente collocarsi nel 1986, quando il famoso sociologo Ulrich Beck pubblicò la sua opera “La società del rischio”. Da lì in poi gli studi sull’evoluzione della società, l’aumento della consapevolezza del rischio, la precarietà del lavoro e della vita in generale, si sono moltiplicati in modo esponenziale. È proprio da qui che ha inizio il mio percorso di ricerca, attraverso le teorie del già citato Beck, continuando con l’analisi di altri autori come Giddens e soprattutto Richard Sennett, dalle loro teorie ed esperienze ho incominciato a muovere i primi passi in questo nuovo campo che può essere definito della “rischiologia”. Una volta acquisite le competenze di base e averle elencate nei primi due capitoli del mio lavoro ho proseguito con una ricerca empirica, facendo delle interviste al campione da me considerato, ovvero una popolazione universitaria e distinguendo fra gli studenti in sede e gli studenti fuori-sede, calcolando le loro informazioni riguardo la percezione del rischio e tutto ciò che ad esso è connesso come: la guerra, il terrorismo, la frammentazione sociale e la flessibilità del lavoro. I risultati di questo mio percorso di ricerca sono esplicitati nel terzo capitolo e nel quarto capitolo in maniera empirica e divulgativa con l’ausilio di materiale grafico. Sono emersi dati molto interessanti ed altri ampiamente previsti che spero possano fornire un quadro generale del fenomeno preso in esame. A conclusione di questa mia breve introduzione spero che il mio lavoro non venga “dimenticato”, ma sia il punto d’inizio di un nuovo lavoro, più ampio e più completo e soprattutto che venga svolto sinergicamente da docenti esperti in materia e studenti universitari, nell’attesa di poter un giorno approdare a dei risultati validi per un piano concreto di azione. Giusepe Vultagio

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

chernobyl
contro-modernità
flessibilità
globalizzazione
islam
kamikaze
modernità riflessiva
occidente
post-modernità
r.sennett
rischio
sensibilità ecologica
società cosmopolita
società del rischio
studenti universitari
terrorismo
torri gemelle
u.beck

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi