Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Terrorismo e trasporto marittimo di persone: profili di responsabilità e assicurativi nella Convenzione di Atene

La tesi inizialmente tratta la disciplina della responsabilità del vettore marittimo di persone attraverso una breve introduzione storica ed un inquadramento generale della normativa.
Successivamente, si analizza il trasporto marittimo di persone nel diritto uniforme fino a giungere nel 2002 con l'adozione del Protocollo alla Convenzione di Atene (anch'essa analizzata) e la posizione dell'Unione Europea, sempre più diretta ad una politica comune in materia di trasporto marittimo di persone.
Proseguendo si è analizzato il concetto di sicurezza, attraverso un breve escursus storico per giungere all'analisi attuale, sempre in riferimento al trasporto di passeggeri, in relazione soprattutto al nuovo rischio "terrorismo".
In riferimento a tale rishio, si è preso in considerazione il nuovo "Codice ISPS" del 2004, quale prima conseguenza agli eventi dell'11 settembre 2001, sottolineando nuovamente la posizione della Comunità Europea.
In relazione a ciò, infine, si sono trattati i possibili risvolti assicurativi conseguenti all'applicazione del Codice ISPS.
Si conclude con uno sguardo alla posizione dell'Italia, analizzando brevemente il progetto ANIA per l'adozione di una assicurazione contro il rischio di atti di terrorismo.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 CAPITOLO I LA DISCIPLINA DELLA RESPONSABILITA’ DEL VETTORE MARITTIMO DI PERSONE 1.1 Brevi cenni evolutivi sul contratto di trasporto di persone Il contratto di trasporto trae le sue origini dagli abrogati Codice Civile del 1865 e Codice di Commercio del 1882, i quali disciplinano in particolare il trasporto di cose, mentre quello di persone è, per lo più, trattato solo in modo indiretto. In realtà, nel Codice Civile del 1865 vi erano poche norme anche in riferimento al contratto di trasporto di cose, mentre nel Codice di Commercio del 1882 tale disciplina veniva trattata in maniera più ampia, sempre, però, trascurando il contratto di trasporto di persone. In entrambi i codici veniva individuato il soggetto principale coinvolto in tale contratto, infatti all’art. 1627 Cod. Civ. 1865 veniva disciplinata l’attività dei “vetturini sia per terra come per acqua che si incaricano del trasporto delle

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Eleonora Pittaluga Contatta »

Composta da 105 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2347 click dal 28/05/2007.

 

Consultata integralmente 11 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.