Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Letteratura di immigrazione o letteratura migrante? Un'analisi linguistico-culturale

Che cosa significa immigrazione da un punto di vista culturale e linguistico?
Colui che proviene da una cultura differente o ha un diverso colore della pelle è qualcuno da temere e allontanare o è un ottima occasione di arricchimento per la propria identità personale e per quella di un intero paese? Cosa vogliono dire "letteratura migrante" e "letteratura di immigrazione"? L'italiano è un limite per chi arriva e per chi accoglie o è un mezzo di interazione? L'italiano, la lingua madre-adottiva, può essere scelto per raccontare la propria storia di migrante, per farci avvicinare a paesi lontani? E perchè? Avete mai conosciuto uno scrittore migrante? A tutte queste domande e a molte altre, ci sono le risposte nell'opera che segue: spero che sia per Voi interessante come lo è stata per me.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE La presente opera intende analizzare l’impatto con una realtà, quella dell’immigrazione, da un punto di vista linguistico e culturale. Incontrare l’immigrato è mettersi in relazione con un nuovo mondo, che non necessariamente è negativo, ma spesso la chiusura nella nostra protettiva ed illusoria identità nazionale ci fa rendere diffidenti verso tutto ciò che è diverso. Conoscere e capire la diversità aiuta a non averne più paura, anzi, ciò contribuisce ad arricchire la propria identità sia a livello personale sia se parliamo di un intero paese con tutti i suoi aspetti sociali e culturali. Nel primo capitolo mettiamo in evidenza l’importanza della comunicazione linguistica ed extraverbale, soprattutto nelle interazioni con una persona che arriva da un paese completamente diverso dal nostro e va a relazionarsi, a volte a scontrarsi, con le istituzioni come sanità, scuola, lavoro. La non conoscenza della lingua del paese dove si è scelto di emigrare è un limite sia per chi arriva, sia per chi nella vita quotidiana deve mettersi in relazione con l’immigrato. Non a caso sempre più numerosi sono i corsi e le scuole di italiano per stranieri.

Tesi di Master

Autore: Paola Pegolo Contatta »

Composta da 58 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 11352 click dal 28/05/2007.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.