Skip to content

Le imbarcazioni monossili: aspetti di ricerca, restauro e museologia

Informazioni tesi

  Autore: Fabiana Barbaglio
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2005-06
  Università: Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze dei Beni Culturali
  Relatore: Lanfredo Castelletti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 358

La piroga è stata un mezzo di navigazione in uso sin dal Paleolitico Superiore ed ancora oggi sfruttato da alcune popolazioni poco evolute. Il maggior numero dei reperti monossili è stato scoperto e portato alla luce nell’area centro-occidentale del Continente Europeo (Italia, Francia, Svizzera, ...). Comunque, tali imbarcazioni sono presenti con diversa frequenza in molti ambiti geografici europei, indizio dell’universalità della tradizione e dell’esperienza costruttiva relativa a questo natante. Il suo rinvenimento in alcuni Paesi anche del Continente Americano ha permesso di rimettere in discussione persino la storia dei nostri progenitori ed il loro passaggio attraverso lo stretto di Bering: forse non si spostarono via terra, ma già sapevano usare questi antichi natanti nelle loro migrazioni dal Vecchio al Nuovo mondo!
Nel territorio italiano, fin dal XIX secolo, sono state recuperate numerose piroghe, soprattutto nell’Italia Settentrionale ed in particolare in Lombardia, dove sono emersi centinaia di relitti. Il mio lavoro è consistito nello studio dei vari ritrovamenti europei e dei diversi studi realizzati dagli specialisti del settore. Ho quindi approfondito l’argomento prendendo in considerazione l’imbarcazione monossile nei suoi molteplici aspetti funzionali, pratici, tecnologici, economici, sociali ed etnografici. Ho infine affrontato anche l’esame delle specie arboree predilette per la realizzazione di questo importante reperto archeologico.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE L’Italia Ł un paese ricco dal punto di vista archeologico. Negli ultimi 20 anni, i ritrovamenti delle imbarcazioni monossili, soprattutto nell’Italia Settentrionale, sono aumentati grazie allo sviluppo dell’archeologia delle acque1. Con il termine monossile si fa riferimento a quel tipo d’imbarcazione ricavata da un unico tronco d’albero (dal greco µόνος - solo, unico - χιλον - tronco-). Alla terminologia greca (µόνοσχιλον) e latina (monoxylus), si Ł affiancata anche quella moderna, d’origine caraibica (piroga), di solito attribuita ai natanti lunghi e stretti. In generale, comunque, il termine monossile viene attribuito a quelle imbarcazioni ottenute, scavando e svuotando internamente un tronco d’albero (sia esso quercia, tiglio, pino, ontano, palma, o altro) con l’impiego di utensili di pietra, selce, metallo, o per mezzo del fuoco2. Il mio lavoro risulter suddiviso in diversi capito li, che affronteranno ciascuno questioni peculiari, nell’ambito della ricerca sulle piroghe italiane. Il suo scopo Ł quello di stabilire e comprendere a che punto Ł giunto lo studio di questi natanti, nel territorio italiano, partendo da un confronto con le ricerche effettuate anche in ambito europeo3 (Cap.1: Le imbarcazioni monossili in Europa compl eto di tabella e cartina sulla distribuzione delle piroghe in Europa). Mi soffermer , poi, sulla documentazione fino ad oggi raccolta in Italia, sulla base dei singoli lavori realizzati4 da quegli archeologi che si sono interessati a tale argomento. Non esiste ancora, del resto, un catalogo approfondito ed aggiornato delle monossili italiane. Di molte non si conoscono neppure i dati piø elementari (posizione del ritrovamento, dimensioni reperto, luogo di conservazione); per altre, invece, ma solo dopo gli anni ’90, sono gi state fatte analisi esaustive dai ricercatori, che hanno provato anche a suggerire soluzioni alle principali 1 Solo negli ultimi anni ci si sta rivolgendo con maggiore interesse a tale disciplina, come dimostrano la nascita di pubblicazioni, riviste monografiche, convegni internazionali, (G.Monzeglio, 1998) 2 In Europa, gli attrezzi e le capacit tecniche per costruire una tipologia semplice come la monossile, erano gi disponibili fin dal Paleolitico, ma solo nel Mesolitico scavare un tronco divenne tecnicamente possibile, con la comparsa di asce con lama di pietra e selce atte a foggiare i tronchi d’albero (S.Medas, "Imbarcazioni e navigazione preistorica nel Mediterraneo",1993.) 3 Cordier, 1963 (per la Francia); Ellmers,1973 (per la Germania); S. McGrail, 1978 (per l’Inghilterra ed il Galles); A.V.Okorokov, 1995 (per la Russia e l’Ucraina); B.Arnold, 1995-1996 (per la Svizzera, ma anche l’Europa Centrale) 4 Cornaggia Castiglioni, 1967; Cornaggia Castiglioni, Calegari,1978; Fozzati-Nisbet, 1982; Bonino, 1983.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

archeologia
archeologia sperimentale
arnold
bilanciere
conservazione
cornaggia castiglioni
dendrocronologia
etnografia
imbarcazione
legno bagnato
monossile
navigazione
piroga
poppa
prua
restauro legno
specie arboree
traverse
zoppolo

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi