Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Trattamento aerobico di acque reflue: verifica di modelli mediante confronto di dati respirometrici e di impianto pilota

Nella mia tesi, si tratta del trattamento biologico delle acque reflue industriale. Il trattamento viene affetuato con un impianto pilota da laboratorio. Il fango è prelevato in un impianto di depurazione e delle analisi sono effetuate giorno dopo giorno. Si usa anche un respirometro per le misure e un confronto con i dati ottenuti con l'impianto pilota è fatto alla fine del lavoro.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione 1 INTRODUZIONE Le acque reflue industriali, scaricate nell’ambiente, hanno sempre avuto su questo un forte impatto. Nei ultimi anni, stante le normative sempre più restrittive nella regolamentazione degli scarichi e nei criteri generali per la razionalizzazione delle risorse idriche, la ricerca scientifica ha proposto processi di trattamento sempre più affidabili per una maggiore salvaguardia ambientale. L’attenzione dimostrata dalle leggi in continua evoluzione, evidenzia l’importanza del trattamento delle acque reflue, anzitutto come dovere sociale per rallentare, e in un prossimo futuro annullare, i danni prodotti all’ambiente dalla trascuratezza finora dimostrata in questo campo. L’inquinamento da scarichi di acque reflue si riconduce ai seguenti tre schemi fondamentali: • mancanza di ossigeno; • presenza di sostanze tossiche; • variazione della temperatura del corso d’acqua ricevente (bacino o corso d’acqua in cui gli scarichi vanno a confluire). In natura quando si scaricano dei liquami contenenti sostanze organiche, queste vengono attaccate dai microrganismi presenti che le trasformano in sostanze di composizione chimica più semplice, attraverso due processi concorrenti tra loro: 1. OSSIDAZIONE: trasformazione del liquame in una sostanza più semplice con la produzione di energia; 2. SINTESI: crescita dei microrganismi utilizzando l’energia prodotta dall’ossidazione. L’insieme di questi due processi è chiamato METABOLISMO: questo può essere di due tipi: AEROBICO e ANAEROBICO. Quello aerobico si verifica in presenza di ossigeno e porta alla formazione di energia sotto forma di anidride carbonica, acqua, nitrati, ecc. e altri prodotti finali innocui e inodori.

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Marcellin Lekefouet Tejiona Contatta »

Composta da 53 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1829 click dal 05/06/2007.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.