Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Umorismo e riso: un approccio multidisciplinare tra universalità e particolarismo

L'umorismo e il riso tra i cosiddetti "popoli primitivi". Indagine sociologica, antropologica e psicoanalitica del fenomeno riso visto come peculiarità culturale o fenomeno universale.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE Nelle varie teorie che sono state formulate riguardo il riso si è tentato di dare una definizione univoca fenomeno, ma con scarsi risultati, perché i vari autori, pur partendo da postulati accettabili, hanno finito per considerare solo alcuni aspetti del riso, considerati esclusivi e distintivi, ritenendo di poter raggiungere e ottenere una spiegazione e una definizione del riso "manualistica". Di fatto questo non è stato possibile e gli studiosi, partendo da diverse impostazioni teoriche, finiscono poi per riconoscere i reciproci limiti, accusandosi di considerare alcuni fattori a discapito di altri, ignorando di trovarsi in presenza di un caso di politeticità assai peculiare. La valenza del riso è certamente multipla e ciò significa che esso è in grado di convogliare contemporaneamente diversi, talvolta opposti, messaggi, di svolgere più funzioni ed esprimere più significati. La sua forte capacità di adattamento contestuale ne fa un fenomeno di diffusione praticamente universale, la cui presenza è riscontrabile negli ambiti socio-culturali più diversi e le cui modalità variano in relazione allo stimolo e alle necessità strutturali del contesto in cui si manifesta. D'altra parte, il riso è strettamente legato all'uomo poiché essendo una forma d'espressione che veicola certe tendenze, sentimenti e moti dell'animo umani, ed è dunque universale e sovraindividuale: "Se gli stessi movimenti dei lineamenti o del corpo esprimono le stesse emozioni nelle diverse razze umane distinte, possiamo concludere con molta probabilità che queste espressioni sono le vere, cioè innate o istintive. Espressioni o gesti convenzionali acquisiti dall'individuo

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Cristina Nicodemo Contatta »

Composta da 229 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7202 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.