Skip to content

I Rimedi di Edward Bach ed altri, tra storia, leggende e tradizioni

Informazioni tesi

  Autore: Daniela Sauro Brusa
  Tipo: Tesi di Master
Master in Dottorato Jean Monnet naturopatia
Anno: 2005
Docente/Relatore: Gatti Annalisa
Istituito da: Universita' Europea Jean Monnet - medicine bio alternatire - Bruxelles
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 230

“Il medico di domani capirà di non avere, di per sé, il potere di guarire: ma, se dedicherà la sua vita: al servizio del fratello-uomo; a studiare la natura umana, così da poter, in parte, comprenderne il significato; a desiderare con tutto il cuore di alleviare la sofferenza;a rinunciare a tutto per aiutare i malati; allora, tramite lui, può essere trasmessa la conoscenza per guidarli ed il potere di guarigione per alleviare il loro dolore."
E.Bach.

Ho incominciato a conoscere davvero Edward Bach in questi ultimi anni. Prima supponevo fosse semplicemente un medico che avesse studiato un sistema di cura “placebo” per disturbi psicosomatici, basato su essenze vegetali, tra cui diversi fiori: in seguito, ho letto molto di quanto scritto da lui stesso e dalla sua instancabile collaboratrice e biografa Nora Weeks. Ho letto anche opere di altri autori, che hanno ampliato le tesi di Bach, scoprendo altre modalita’ di impiego dei suoi rimedi. Ma sempre piu’ spesso tornavo ad occuparmi di Bach, sentivo in quanto scriveva la passione vera, la percezione, l’istinto creativo, l’intuito. E, nello stesso tempo, avvertivo le difficolta’, ansie, preoccupazioni, dilemmi in cui si e’ imbattuto nel corso degli anni. Mi sono domandata: Bach nacque nel 1886 ma scoprì i primi fiori nel 1928: a quel punto, un parte della sua vita, una parte importante, era gia’ stata vissuta e si era snodata come tante, tra studi, scelte, lutti e scoperte. Ma come sarebbe stata la sua esistenza se avesse potuto, all’occorrenza, usare i suoi fiori?
Mi sono anche domandata: com’era Bach da bimbo?
E da adolescente?
Che peso ebbe la sua famiglia nella sua crescita, fisica e spirituale, che lo condusse alla scoperta dei rimedi?
Che peso ebbero, nelle sue scelte, amici, colleghi, amori, guerre?
Così vorrei illustrare la floriterapia di Bach nel suo com-plesso, nelle sue verità e motivazioni e, poi, rivivere la vita di questo grande medico che preferiva definirsi “erborista”; mi piacerebbe, riscrivere la sua storia, costruendola come lui stesso la ricordò da grande, quando ormai era troppo tardi per lenire le sue vecchie feri-te con rimedi allora di là da venire, che avrebbe scoperto più avanti, quando tutto era ormai concluso.
Vorrei che fosse la vita di Edward Bach a dare un senso a questo viaggio alla scoperta della floriterapia e vorrei concludere l’escursus narrando una mia piccola ma significativa esperienza.

IL SENSO DELLA FLORITERAPIA
Nell'ambito della medicina naturale e psicosomatica la Floriterapia di Bach rappresenta uno dei sistemi di cura attualmente più conosciuti e diffusi. Questo metodo te-rapeutico naturale, scoperto ed elaborato negli anni trenta da Edward Bach, si basa sul principio che la maggior parte delle malattie fisiche sia causata da squilibri psicologici emozionali, come paura, ansia, insicurezza, depressione, ipersensibilità. Tali stati disarmo-nici possono venire curati per mezzo di speciali essenze di fiori selvatici, piante intere, una gemma e l’acqua, i cosiddetti trentotto rimedi di Bach, ognuno dei quali corrisponde a uno specifico squilibrio della personalità, su cui è in grado di agire positivamente, riarmonizzandone i sintomi. Le essenze si assumono oralmente sotto forma di gocce e inducono, nello stato d'animo della persona, un cambiamento graduale ma profondo, che spesso si riflette positivamente anche su molti disturbi fisici. Si tratta di una cura dolce, priva di qualunque effetto collaterale o tossicità, di facile applicazione, a-datta a persone di ogni età, anche ai bambini più piccoli. Edward Bach, sensibile e geniale, convinto che la medicina dovesse tenere conto non soltanto dei sintomi fisici, ma specialmente del patrimonio emozionale e affettivo del malato, si allontanò progressivamente dalla medicina farmacologica, abbandonando un'atti-vità che gli aveva garantito ricchezza, successo e una carriera prestigiosa. Si dedicò alla ricerca di rimedi semplici e naturali, in grado di agire sullo stato disarmonico del paziente e di riattivarne l'innata forza di au-toguarigione. Solo dopo anni di studi e sperimentazioni, egli arrivò a individuare le essenze, le “nature liete”, come lui le chiamava, (happy fellows), capaci di cura-re i principali stati psicologici negativi che affliggono l'animo umano e favoriscono l'insorgere delle malattie. Dopo la sua morte, la floriterapia si è sviluppata dap-prima in Inghilterra, dove i suoi collaboratori continuarono la sua opera con la creazione del Bach Centre e della Fondazione Bach; in seguito il metodo si è progressivamente diffuso negli altri paesi. Oggi i rimedi di Bach sono usati nel campo della medicina preventiva e psicosomatica, in pediatria, nel counselling psicologico, in associazione a diversi tipi di psicoterapia.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE. Ho incominciato a conoscere davvero Edward Bach in questi ultimi anni. Prima supponevo fosse semplicemen- te un medico che avesse studiato un sistema di cura “placebo” per disturbi psicosomatici, basato su essenze vegetali, tra cui diversi fiori: in seguito, ho letto molto di quanto scritto da lui stesso e dalla sua instancabile col- laboratrice e biografa Nora Weeks. Ho letto anche ope- re di altri autori, che hanno ampliato le tesi di Bach, scoprendo altre modalita’ di impiego dei suoi rimedi. Ma sempre piu’ spesso tornavo ad occuparmi di Bach, sentivo in quanto scriveva la passione vera, la perce- zione, l’istinto creativo, l’intuito. E, nello stesso tempo, avvertivo le difficolta’, ansie, preoccupazioni, dilemmi in cui si e’ imbattuto nel corso degli anni. Mi sono do- mandata: Bach nacque nel 1886 ma scopri’ i primi fiori nel 1928: a quel punto, un parte della sua vita, una par- te importante, era gia’ stata vissuta e si era snodata come tante, tra studi, scelte, lutti e scoperte. Ma come sarebbe stata la sua esistenza se avesse potuto, all’occorrenza, usare i suoi fiori? Mi sono anche domandata: com’era Bach da bimbo? E da adolescente? Che peso ebbe la sua famiglia nella sua crescita, fisica e spirituale, che lo condusse alla scoperta dei rimedi? Che peso ebbero, nelle sue scelte, amici, colleghi, a- mori, guerre?

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

dietmar kramer
e. bach
essenze dell'arizona
fiori di bach
fiori terapie
floriterapia
floriterapia californiana
floriterapia dell'alaska
floriterapia francese
floriterapia indiana
floriterapia italiana
floriterapia scozzese
floriterapie
naturapata
naturopatia
placebo
psicosomatici

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi