Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Moda e design, due procesi creativi a confronto: nascita e realizzazione di un progetto di moda e di un progetto di design

la tesi si occupa di analizzare il rapporto esistente tra moda e design, fonrnendo in particolare un parallelo tra il progetto di creazione di un abito e di una collezione di moda e il progetto di creazione di un oggetto di design. Vengono cosi sottolineate differenze e analogie, insistendo sul rapporto sempre più stretto tra le due arti creative.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 ●INTRODUZIONE: IL CONCETTO DI CREATIVITA’ Per poter affrontare in maniera esaustiva e adeguata l’argomento “moda e design”, è bene innanzitutto definire con chiarezza cosa si intende con il termine creatività, elemento indispensabile e alla base dei due processi produttivo - creativi di cui intendo occuparmi. Già nell’antichità Socrate era arrivato alla conclusione che i “pensieri ispirati” hanno origine con gli dei, che le idee vengono non quando la persona è razionale, ma quando qualcuno è al di fuori di sé stesso, quando è privato dei propri sensi. Secondo questa immagine, il “genio creativo” è assolutamente un essere ispirato, uno strumento attraverso il quale la Natura si manifesta all’uomo rivelandogli il segreto di una scoperta. Nel mondo moderno, si è iniziato sempre più a considerare l’idea creativa come proveniente non dal mondo esterno, ma dal nostro mondo interno, da qualche parte nascosta della nostra mente. Quando il lato razionale della natura umana sembrasse non produrre pensieri originali, si sperava che il lato emozionale dell’uomo potesse essere la chiave per l’ispirazione immaginativa. Si pensava inoltre che, se si fosse condotta un’inusuale “vita creativa”, contravvenendo alle costrizioni sociali per divenire spontanei, passionali e non convenzionali, allora si poteva essere creativi. Artisti, ballerini, attori e poeti vivevano in appartamenti freddi e umidi, nelle periferie delle città, o adottavano particolari stili di vita, tutto al fine di sollecitare la luce creativa interna. Per alcuni la creatività sembra essere più intensa quando l’individuo è affetto da sindromi maniaco-depressive, quasi che alla base di ogni prodotto artistico ci debba essere una visione allucinata e delirante. Tuttavia appare riduttivo affermare che la creatività sia solo la conseguenza di uno stile di vita squilibrato e fuori delle righe, piuttosto si può assumere che essa sia il prodotto dell’interazione

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Roberta Blasi Contatta »

Composta da 58 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8550 click dal 19/06/2007.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.