Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Tecnologia di produzione della birra Zhiguli

La tecnologia di produzione di una birra ucraina da parte di un microbirrificio irlandese

Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE La storia della birra Due sono le qualit che hanno da sempre contrad distinto la storia della birra nei secoli: la sua presenza pressochØ universale e la sua popolarit in ogni ceto sociale. Nel primo caso si pu , infatti, affermare che laddove ci sia stata la coltivazione dei cereali, si Ł avuta anche la produzione della birra. La seconda asserzione invece Ł avallata da innumerevoli testimonianze storiche. Non si sa con esattezza dove nasce la prima birra: c Ł chi parla di Mesopotamia, chi di Egitto, chi di isole Orcadi, chi addirittura di Malta. Ma in realt ci non Ł importante, poichØ Ł assai verosimile che il fenomeno della fermentazione sia stato scoperto casualmente in diverse parti del mondo piø o meno nello stesso periodo. Differenti per sono stati i modi di sviluppare la bevanda. La Mesopotamia La Mesopotamia Ł stata la terra che per prima ha visto sorgere la professione del birraio, cosa che in altre societ meno organizzate sarebbe stata impossibile. Il prodotto delle sue fatiche rappresentava una quota della retribuzione dei lavoratori, che dunque era corrisposta in birra. Ma, si badi bene, non una birra, ma svariate tipologie, poichØ gi in quel periodo si distinguevano birre scure, chiare, rosse, forti, dolci e aromatiche. Inoltre si usavano nomi diversi per indicare birre prodotte con cereali differenti: le sikaru erano d orzo, le Kurunnu di spelta. La sikaru aveva un ruolo speciale nella cultura sumera: era usata per onorare gli dei, per pagare i lavoratori e nutrire i malati e i suoi effetti inebrianti erano considerati un esperienza spirituale; era una sorta di pane liquido che veniva preparato inumidendo e facendo germogliare semi di cereali tra cui farro, frumento ed orzo, che erano poi macinati grossolanamente, impastati in forma di piccole focacce e messi in forno per una parziale cottura; le focaccette venivano, quindi, sbriciolate e messe a mollo in recipienti d argilla colmi d acqua e lasciate fermentare per molti giorni; il liquido denso e nutriente che se ne

Laurea liv.I

Facoltà: Agraria

Autore: Marco Intraia Contatta »

Composta da 131 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3435 click dal 19/06/2007.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.