Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Turismo sostenibile: una proposta alberghiera

Questo lavoro nasce da un personale interesse per i viaggi e per il mondo del turismo. Le possibilità di scoperta e confronto di realtà geografiche ed antropiche differenti sono aspetti di tale settore che mi affascinano ed entusiasmano.
Ma da viaggiatore ed osservatore, per quanto in erba, ho notato che esiste una faccia molto pericolosa del turismo. In effetti il turismo, un’ industria tra le più rilevanti e solide nel mondo, è anche tra le più impattanti sull’ambiente e sulla società.
Ho notato però che si è soliti considerarla, assieme al mondo dell’ospitalità alberghiera, principalmente materia economica. Mi fu infatti obiettato da più parti che il presente lavoro doveva essere svolto più da un esperto di marketing che da uno studente di beni culturali. Questo settore, tra i più complessi e affascinanti della nostra società, coinvolge invece in maniera eccezionale elementi culturali, sociali, ambientali e politici, oltre che economici.
Dunque nel presente lavoro, partendo da dati macroeconomici, ho analizzato innanzitutto l’importanza del turismo, identificando i soggetti coinvolti in tale industria e in particolare gli impatti che questa è in grado di produrre sull’ambiente e sulle società (quelle visitate ma anche quelle che visitano) che coinvolge.
Successivamente ho analizzato una possibile forma di turismo alternativo, cioè il turismo sostenibile. Partendo da una panoramica sulle principali Carte e Conferenze, ho esposto i principi su cui si basa e su cui si sviluppa, considerando in particolare la sua applicazione al contesto italiano. Ho cercato di evidenziare, attraverso dati quantitativi e qualitativi forniti da studi specialistici, l’esistenza di una domanda turistica in ascesa interessata a scoprire la cultura del luogo, assieme a tutti i derivati dell’unione di questa col territorio: i prodotti tipici, le ricette gastronomiche, l’artigianato, ed il paesaggio, oltre che gli elementi architettonici come monumenti ed edifici storici.
Quindi ho rivolto la mia attenzione verso l’elemento di cui avrebbe maggiormente bisogno l’Italia: un sistema turistico alberghiero attento al territorio e alla cultura del luogo. Ho dunque esposto gli elementi che ritengo necessari per rispondere a tale domanda turistica. Tra questi l’informazione rappresenta un elemento fondamentale per trasformare il viaggio in scoperta; a tal fine l’albergo dovrebbe poter fornire tutti gli strumenti necessari al turista per informarsi e conoscere il territorio, coadiuvato da un personale alberghiero preparato a consigliare ed a indirizzare il cliente su orari, visite e siti di particolare pregio. La struttura alberghiera dovrà essere di piccole dimensioni, per poter agevolare il dialogo e creare una struttura meglio integrata nel contesto. Infatti ritengo buona pratica il riutilizzo di strutture preesistenti, in sintonia quindi con l’intorno. Tuttavia dovrà anche osservare una serie di criteri di eco-compatibilità, promuovendo di conseguenza i principi della sostenibilità ambientale, elementi a cui tale clientela generalmente è già predisposta. Tale tipologia di albergo dovrà sorgere in borghi o piccoli paesi limitrofi a città d’arte, in quei contesti cioè poco considerati dal turismo, ma che in realtà conservano grandi patrimoni storico-artistici e di ottime tradizioni eno-gastronomiche.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE Questo lavoro nasce da un personale interesse per i viaggi e per il mondo del turismo. Le possibilit di scoperta e con fronto di realt geografiche ed antropiche differenti sono aspetti di tale settore che mi affascinano ed entusiasmano. Ma da viaggiatore ed osservatore, per quanto in erba, ho notato che esiste una faccia molto pericolosa del turismo. In effetti il turismo, un industria tra le piø rilevanti e solide nel mondo, Ł anche tra le piø impattanti sull ambiente e sulla societ . Ho notato per che si Ł soliti considerarla, assiem e al mondo dell ospitalit alberghiera, principalmente materia economica. Mi fu infatti obiettato da piø parti che il presente lavoro doveva essere svolto piø da un esperto di marketing che da uno studente di beni culturali. Questo settore, tra i piø complessi e affascinanti della nostra societ , coinvolge invece in maniera eccezionale elementi culturali, sociali, ambientali e politici, oltre che economici. Dunque nel presente lavoro, partendo da dati macroeconomici, ho analizzato innanzitutto l importanza del turismo, identificando i soggetti coinvolti in tale industria e in particolare gli impatti che questa Ł in grado di produrre sull ambiente e sulle societ (quelle visi tate ma anche quelle che visitano) che coinvolge. Successivamente ho analizzato una possibile forma di turismo alternativo, cioŁ il turismo sostenibile. Partendo da una panoramica sulle principali Carte e Conferenze, ho esposto i principi su cui si basa e su cui si sviluppa, considerando in particolare la sua applicazione al contesto italiano. Ho cercato di evidenziare, attraverso dati quantitativi e qualitativi forniti da studi specialistici, l esistenza di una domanda turistica in ascesa interessata a scoprire la cultura del luogo, assieme a tutti i derivati dell unione di questa col territorio: i prodotti tipici, le ricette gastronomiche, l artigianato, ed il paesaggio, oltre che gli elementi architettonici come monumenti ed edifici storici.

Laurea liv.I

Facoltà: Conservazione dei Beni Culturali

Autore: Federico Mantovan Contatta »

Composta da 94 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2548 click dal 20/06/2007.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.