Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La Chiesa e la radio: l'emittenza radiofonica cattolica

La tesi presenta un percorso storico attraverso la radiofonia italiana e straniera di orientamento cattolico. Dopo un'introduzione generale sul rapporto fra mass media e Chiesa Cattolica, l'elaborato tratta dell'evoluzione della programmazione religiosa di Radio Rai, Radio Maria, Radio Mater, Radio Vaticana. Vengono esaminati anche i circuiti e i consorzi di radio cattoliche. Non manca, infine, un approfondimento sulle radio cattoliche locali torinesi

Mostra/Nascondi contenuto.
2 INTRODUZIONE «Lo Spirito Santo verrà su di voi e riceverete da lui la forza per essermi testimoni in Gerusalemme e in tutta la Giudea, la Samaria e fino all’estremità della terra»1: sono queste le parole che pronuncia Gesù, prima che lo Spirito Santo discenda sugli Apostoli nel giorno di Pentecoste, per trasmettere loro il coraggio di annunciare a tutto il mondo, senza distinzione, la propria fede. L’annuncio evangelico appare subito, in questo come in altri passi delle Sacre Scritture, per quello che è, ossia un messaggio da comunicare: la stessa etimologia greca della parola Vangelo («la buona notizia») mette perfettamente in luce questa realtà. Tutto il Cristianesimo, del resto, è una religione fondata sulla comunicazione diretta fra Dio e il mondo: nel Cristianesimo Dio si fa uomo per comunicare meglio con il mondo; Cristo può pertanto essere definito un medium fra il divino e l’umano. Se il Cristianesimo è essenzialmente un fatto di comunicazione e il suo stesso capostipite, Gesù, è un medium, è quindi naturale che sia una religione particolarmente predisposta a servirsi dei media; e non solo di alcuni media, ma di tutti quelli - nessuno escluso - che ha a disposizione in un determinato periodo storico. Per dimostrare la validità di una tale affermazione, facciamo un primo passo, cominciando innanzitutto a notare che, in ogni epoca, il Cristianesimo fa uso dei mezzi di comunicazione in quel momento dominanti: prima dei manoscritti, poi dei libri stampati - non a caso il primo testo ad uscire dalla bottega di Gutenberg è una Bibbia - poi dei giornali, poi del teatro - che per la verità il clero ha sempre osteggiato, riuscendo però a farne ugualmente uso (basta vedere le sacre rappresentazioni) - poi del cinema e infine dei mezzi di comunicazione di massa per eccellenza, quelli elettronici, radio e televisione, infine di internet. Facciamo ora il secondo passo, notando che, in ogni epoca, la Religione Cristiana non solo fa largo uso dei media dominanti, ma anche di quei media che dominanti non lo sono più, perché lo sono già stati prima. La radio è, in questo senso, un caso emblematico: nonostante sia stata spodestata, ormai più di mezzo secolo fa, dal trono di regina dei 1 Dagli Atti degli Apostoli - 1,8

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Davide Prette Contatta »

Composta da 259 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1460 click dal 22/06/2007.

 

Consultata integralmente 11 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.