Skip to content

Requisiti formali e sostanziali nella disciplina del lavoro a progetto

Informazioni tesi

  Autore: Giulia Baldocchi
  Tipo: Tesi di Specializzazione/Perfezionamento
Specializzazione in Scuola di Specializzazione per le Professioni Legali
Anno: 2007
Docente/Relatore: Alberto Niccolai
Istituito da: Università degli Studi di Pisa
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 28

L'elaborato si propone di affrontare le maggiori problematiche sorte in seguito all'introduzione della nuova tipologia di lavoro parasubordinato, ossia il lavoro a progetto, avvenuta con la c.d. "legge Biagi" (D.lgs. n. 476/03); in particolare, la fumosità della disciplina così come formulata dal legislatore ha lasciato fin da subito non poco spazio all'interpretazione dottrinale, ma soprattutto alle pronunce dei giudici di merito, che si son trovati da subito ad affrontare delicate questioni, riguardanti soprattutto la tutela dei diritti dei lavoratori a progetto, e i requisiti formali e sostanziali necessari per la configurazione, in astratto e in concreto, di questo nuovo tipo contrattuale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Il mondo produttivo è cambiato molto in fretta negli ultimi anni, e ha assistito all’emersione di esigenze di maggiore flessibilità e minori costi, che hanno trovato parte delle risposte in nuove tipologie contrattuali. L’uso (e soprattutto l’abuso) di una di queste, la collaborazione coordinata e continuativa (di seguito co.co.co.), ha determinato nel 2003 l’intervento del legislatore, con l’intenzione espressa di predisporre “un nuovo quadro delle co.co.co. finalizzato a superare gli abusi e le prassi che hanno condotto alla attuale degenerazione di questi istituti” 1 . Tali, dunque, le premesse per l’introduzione del contratto di lavoro a progetto (con D. Lgs. 276/2003, appunto) che nelle aspettative avrebbe dovuto garantire maggior chiarezza alla distinzione tra subordinazione e parasubordinazione, restringendo l’utilizzo delle co.co.co. ai casi in cui realmente la prestazione venga presa in considerazione in funzione del risultato prodotto, secondo modalità esecutive predefinite, e con notevole libertà di realizzazione da parte del prestatore, sottoposto ai soli limiti derivanti dal collegamento funzionale dell’attività svolta con l’organizzazione d’impresa, ma non soggetto al potere unilaterale di conformazione del datore di lavoro; inoltre, la nuova disciplina avrebbe dovuto arginare fenomeni simulatori e frodatori nel ricorso al paradigma contrattuale dell’autonomia 2 . Tuttavia, bisogna subito sottolineare che la disciplina di questo nuovo tipo legale si presenta estremamente rigida, e perciò si pone in controtendenza rispetto alle altre parti del decreto, volte a flessibilizzare la disciplina della subordinazione, come per esempio nel lavoro a chiamata, nel lavoro a prestazioni ripartite, nella somministrazione di lavoro, nel part – time o nel contratto di inserimento. 1 Così la Relazione di Accompagnamento al D. Lgs. 10 settembre 2003, n. 276, consultabile sul sito del Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale. 2 Cfr. PIZZOFERRATO, Il lavoro a progetto tra finalità antielusive ed esigenze di rimodulazione delle tutele, in Dir. Lav., 2003, 6, pag. 630; TIRABOSCHI, Riforma del mercato del lavoro: approvato il decreto di attuazione della legge n. 30/2003, in Guida Lav., 2003, 34, pag. 30. 1

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

contratto a termine
conversione del rapporto
d.lgs. 476/2003
diritto invenzione
divieto di concorrenza
forma ad probationem
forma ad substantiam
lavoro a progetto
legge biagi
obbligo di riservatezza
parasubordinato
presunzione assoluta
presunzione relativa
sospensione del rapporto
tempo determinato

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi