Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il Tractatus logico-philosophicus

Si tratta di un riepilogo lineare del Tractatus di Wittgenstein, un tentativo di rispecchiarne il senso in maniera quanto più chiara possibile, non un'interpretazione ma appunto un riflesso.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 Capitolo unico - Riepilogo 1 lineare del Tractatus in raffronto con le letture di Piana 2 , Frascolla 3 , De Carolis 4 . “Il mondo è tutto ciò che accade” (T. 1). Così inizia il Tractatus. La frase originale è “Die Welt ist was der Fall ist”. È lecito tradurre il termine “Fall” con “tutto ciò che accade”, ma bisogna chiarire che “accade” va inteso come tutto ciò che capita casualmente, tutto ciò che avviene a cascata, in maniera priva di qualsiasi ordine. “Fall” in senso proprio significa esattamente questo: capitare accidentale, assoluta contingenza, caso. Ecco perché una traduzione, rilevata già dal Piana 5 , più chiarificatrice, potrebbe essere “Il mondo è tutto ciò che è il caso”. Come infatti un tutto unitario, omogeneo, innanzitutto esistente, regolato da leggi che lo legano assieme, che corrisponde al termine “mondo”, possa essere congruente al caso, essere il caso, che può esistere oppure no, essere in un modo o nel suo contrario, è questa la domanda di fondo a cui il Tractatus intende dare una risposta. Come può esistere qualcosa che sia del tutto contingente e casuale? Da cosa è costituito il mondo? E, soprattutto, come sono possibili e hanno senso queste domande? È per risolvere tali interrogativi che il Tractatus, per esplicita intenzione del suo autore, ha un senso che è “per intero un senso etico”.

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Lucio Iacono Contatta »

Composta da 78 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1624 click dal 06/07/2007.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.