Skip to content

I limiti del potere di recesso del lavoratore : limiti legali e limiti convenzionali

Informazioni tesi

Master di II livello in Scienze Applicate del Lavoro e della Previdenza Sociale
  Autore: Alfonso Ferraioli
  Tipo: Tesi di Master
Master in
Anno: 2006
Docente/Relatore: Giuseppe Santoro Passarelli
Istituito da: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 39

Il diritto del lavoro nella sua accezione tradizionale si è sviluppato pressoché esclusivamente come diritto di tutela, configurando un sistema di rapporti giuridici caratterizzati da profondi elementi protezionistici a favore del prestatore di lavoro subordinato.
L’aspirazione ad assicurare un bilanciamento delle posizioni contrattuali tra le parti del rapporto di lavoro ha portato il legislatore a limitare la libera volontà dei soggetti contrattuali mediante l’impiego della tecnica della inderogabilità in peius dei trattamenti economico-normativi e delle condizioni di lavoro stabilite da disposizioni di legge e di contratto collettivo.
Questa accezione prende le mosse da una organizzazione del lavoro di stampo taylorista dove il lavoratore, dotato di una professionalità elementare, è completamente etero diretto nel suo lavoro dalla tecnologia inserita negli impianti produttivi.
Il grado di fungibilità di questo lavoratore è molto elevato, e pertanto, è necessaria una legislazione di tutela nei suoi confronti, finalizzata ad evitare che i datori di lavoro possano troppo facilmente rompere il vincolo contrattuale.

Oggi, specialmente nel settore terziario, la situazione è molto diversa: l’organizzazione del lavoro vede delle mansioni estremamente ricche ed articolate dove intere fasi del processo produttivo sono concentrate su singoli individui.
La professionalità di questi lavoratori è talmente elevata che è stata elaborata dalla teoria aziendalistica la figura del “Core Worker”: un lavoratore fondamentale per l’impresa, destinatario di formazione, investimenti e dotato di professionalità specialistica .
E’ di tutta evidenza che, in questo caso, il rapporto di forza o, se vogliamo, il grado di dipendenza tra datore di lavoro e lavoratore è molto diverso rispetto al vecchio modello ispirato alla teoria di Taylor: paradossalmente, diventa meritevole di tutela anche il datore di lavoro rispetto al rischio di una rottura del vincolo contrattuale da parte del lavoratore.
Per le ragioni predette si vanno diffondendo, nella pratica delle negoziazioni concrete, una serie di strumenti contrattuali, denominati strumenti di fidelizzazione vincolata, finalizzati a porre vincoli giuridici alla libertà contrattuale del lavoratore, limitandone il potere di recesso e tutelando, quindi, le esigenza del datore di poter contare per un certo lasso di tempo sull’apporto di determinate professionalità.
Gli strumenti in grado di creare vincoli giuridici al recesso del lavoratore possono essere circoscritti al prolungamento del periodo di preavviso ed alla clausola di durata minima garantita.
Scopo della mia elaborazione è di esaminare brevemente il potere di recesso del lavoratore, e cioè le dimissioni.
E’ a tal uopo necessario, anzitutto, ricostruire la disciplina del recesso ad nutum ex art. 2118 c.c., avendo cura di evidenziare le ragioni e la funzione assolta dallo strumento del preavviso.
Successivamente esaminerò gli strumenti giuridici esistenti in grado di limitare il recesso, al fine di verificare se le clausole contrattuali utilizzate per limitare il potere del lavoratore di rassegnare le dimissioni siano o meno compatibili con il contratto di lavoro e con la disciplina, legale e collettiva, del rapporto di lavoro subordinato.
Infine procederò alla analisi di due strumenti contrattuali che predispongono dei limiti convenzionali al potere di recesso del lavoratore: il prolungamento pattizio del periodo di preavviso e la stipula di un patto di stabilità.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE Il diritto del lavoro nella sua accezione tradizionale si è sviluppato pressoché esclusivamente come diritto di tutela, configurando un sistema di rapporti giuridici caratterizzati da profondi elementi protezionistici a favore del prestatore di lavoro subordinato. L’aspirazione ad assicurare un bilanciamento delle posizioni contrattuali tra le parti del rapporto di lavoro ha portato il legislatore a limitare la libera volontà dei soggetti contrattuali mediante l’impiego della tecnica della inderogabilità in peius dei trattamenti economico-normativi e delle condizioni di lavoro stabilite da disposizioni di legge e di contratto collettivo. 1 Questa accezione prende le mosse da una organizzazione del lavoro di stampo taylorista dove il lavoratore, dotato di una professionalità elementare, è completamente etero diretto nel suo lavoro dalla tecnologia inserita negli impianti produttivi. Il grado di fungibilità di questo lavoratore è molto elevato, e pertanto, è necessaria una legislazione di tutela nei suoi confronti, finalizzata ad evitare che i datori di lavoro possano troppo facilmente rompere il vincolo contrattuale. 1 Biagi, Russo, Problemi e prospettive nelle politiche di “fidelizzazione” del personale, 2001, 1 3

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

clausola rescissoria
dimissioni
durata minima
fidelizzazione del lavoratore
lavori
lavoro
lavoro subordinato
patto stabilità
preavviso lavor
prolungamento del preavviso
recesso lavoro
stabilità lavoratori

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi