Skip to content

Modelli di indeuropeizzazione - La "rivoluzione" di Colin Renfrew

Informazioni tesi

  Autore: Conchita Conigliaro
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1996-97
  Università: Libera Università di Lingue e Comunicazione (IULM)
  Facoltà: Lingue e Letterature Straniere
  Corso: Lingue e Letterature Straniere
  Relatore: Mario Negri
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 177

La scoperta del sanscrito, agli inizi dell’Ottocento, diede inizio ad una nuova fase della linguistica. Tale lingua aveva, infatti, notevoli affinità con le lingue classiche dell’Occidente sia nelle radici dei verbi che nelle forme della grammatica.
L’esistenza di tante lingue sparse per il continente eurasiatico ed aventi in comune l’ossatura delle loro forme grammaticali, del lessico e del sistema fonetico, condusse alla conclusione che queste lingue dovevano essere figlie di una stessa lingua, differenziatasi col passare del tempo in seguito alle migrazioni verso paesi diversi dei popoli che un tempo parlavano quella lingua madre che venne appunto denominata ‘indeuropeo’.
Il termine indeuropeo, a prima vista forse troppo lungo e poco eufonico, si è imposto a scapito di altre designazioni. Nel XVII secolo venne usato il termine scitoceltico coniato da Andreas Jäger. Nel XIX secolo nacque in Germania il termine indogermanico. Il terzo termine è quello di indoeuropeo o indeuropeo (secondo la linea scelta da Vittore Pisani) introdotto per la prima volta dal britannico Thomas Young nel 1813. Quest’ultima denominazione è stata preferita alla precedente, probabilmente a causa di una certa prevenzione degli studiosi contro un’eventuale utilizzazione nazionalistica del termine indogermanico.
L’esistenza di tante lingue da ricondurre ad un’unica ‘lingua madre’ portò all’elaborazione della linguistica comparata, branca della linguistica che si basa sul confronto delle lingue.
Dalla pratica di questa nuova disciplina, si capì ben presto che non poteva esservi identità tra sanscrito e ‘lingua madre’, come si era erroneamente creduto all’inizio, dato che sembra che quest’ultima sia esistita in un passato molto remoto. Si cercò allora di ricostruirla, isolando fra i tratti attestati delle lingue considerate solo quelli più diffusi e meno riconducibili a particolari innovazioni.
Solo alla fine del secolo scorso si riconosce che uno studio storico delle lingue doveva essere il presupposto naturale dello studio comparativo. Le due direzioni della ricerca sono complementari tra loro e si servono entrambe dei metodi della comparazione. Ma, mentre l’indagine storica pone a confronto strati diversi della medesima lingua, la linguistica comparativa studia le varie lingue rivolgendosi alle loro precedenti connessioni nella preistoria.
Partendo dal presupposto di una unità linguistica eurasiatica, ci si trova di fronte ad una serie di problemi di difficile soluzione. In primo luogo ci si chiede se ad una tale unità linguistica possa essere corrisposta una unità etnica ben definita.
Nonostante il costante aiuto fornito dall’archeologia preistorica, spesso la natura della documentazione risulta essere scarsa e parziale. È difficile immaginare una unità linguistica rigida in quanto le tribù dovevano essere disseminate su un territorio molto vasto senza alcun legame politico, economico o culturale ben definito. Possiamo pertanto affermare che un indeuropeo unitario non è mai esistito: si è avuta una grande quantità di dialetti con numerose isoglosse, non sempre comuni a tutti i dialetti.
È interessante, a questo proposito, quanto sostenuto da Pisani che alcune innovazioni comuni sarebbero sorte in seguito a contatti istituitisi in epoca posteriore alla diaspora indeuropea.
Uno dei problemi interessanti della ricerca attuale è quello di sapere quando tali gruppi culturalmente distinti, con manufatti diversi, emersero e come debbano essere interpretati.
In Archaeology and Language, Renfrew respinge le teorie tradizionali delle migrazioni di massa. L’alternativa proposta è quella di risalire indietro nel tempo fino al processo che avrebbe rivoluzionato radicalmente l’Europa: l’adozione dell’agricoltura, basata sulla coltivazione dei cereali e sull’allevamento del bestiame.
Altrettanto interessante è lo studio del lessico relativo all’allevamento e allo sviluppo dell’agricoltura che sembra supportare le teorie tradizionali. Infatti, dal lessico apprendiamo che la struttura socio-economica degli Indeuropei è essenzialmente quella di nomadi, pastori e guerrieri. Ciò vuol dire che la pratica dell’agricoltura intensiva non doveva essere un’invenzione di queste popolazioni, bensì un’acquisizione derivante dal contatto con le culture preindeuropee dell’Europa.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione La linguistica storica è la disciplina che si occupa dello sviluppo delle lingue nel corso del tempo. È nata nella prima metà del secolo scorso (anche se il paragone fra due o più sistemi linguistici è precedente di molti secoli) e ha come punto di partenza la scoperta di una affinità di ordine genetico tra le lingue dell‟Europa e alcune dell‟Asia. Fu la scoperta del sanscrito agli inizi dell‟Ottocento a dare inizio a una nuova fase della linguistica. Nel 1786 Sir William Jones, giudice inglese in India che aveva studiato da orientalista, fece una scoperta alquanto straordinaria. Arrivato a Calcutta, aveva iniziato a studiare il sanscrito, la lingua dei testi letterari e religiosi dell‟India, e giunse a conclusioni che avrebbero rivoluzionato gli studi di linguistica. Notò infatti che il sanscrito aveva notevoli affinità con le lingue classiche dell‟Occidente sia nelle radici dei verbi che nelle forme della grammatica. L‟esistenza di tante lingue sparse per il continente eurasiatico ed aventi in comune l‟ossatura delle loro forme grammaticali, del lessico e del sistema fonetico condusse alla conclusione che queste

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

agricoltura
allevamento
archaeology and lanuguage
colin renfrew
gimbutas
glottologia
indeuropeo
indoeuropeo
indogermanico
lessico
linguistica comparata
linguistica storica
martinet
migrazioni
negri
pisani
renfrew
sanscrito
villar

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi