Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Prescrizione del reato e ragionevole durata del processo. Analisi della disciplina vigente e prospettive di riforma.

La riforma degli articoli 157-161 c.p. prevista dalla l. 251/2005 non pone rimedio al difficile rapporto fra l'istituto della prescrizione e il principio della ragionevole durata del processo. Nella tesi si analizzano il fondamento e le funzioni di questa causa estintiva del reato, la vecchia disciplina, la nuova disciplina, e infine le proposte di riforma di questo istituto controverso, a metà fra diritto sostanziale e diritto processuale, che si presenta oggi come uno strumento del tutto inadeguato ad assicurare tanto i diritti dell'imputato, quanto l'efficienza della giurisdizione.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 . CAPITOLO I . FONDAMENTO E FUNZIONI DELLA PRESCRIZIONE Sezione 1. Funzione coscienziale del tempo nel diritto e caratteri generali dell’istituto. Sezione 2. Le teorie giustificative della prescrizione e il loro rapporto con le teorie della pena. Sezione 3. Principi costituzionali e internazionali in materia di prescrizione. Sezione 4. Inquadramento sistematico dell’istituto. Dibattiti dottrinari, contrasti giurisprudenziali ed una riforma legislativa hanno di recente riguardato l’istituto della prescrizione. La disciplina della prescrizione oggi rappresenta uno degli aspetti più critici del sistema penale italiano. In queste pagine si prova a rendere conto degli ingenti problemi applicativi generati da questa causa estintiva del reato – tra i quali il difficile rapporto tra prescrizione e processo – e ad esaminare le possibili prospettive di riforma. Si rende però necessaria un’introduzione concernente il fondamento e le funzioni della prescrizione, volta a stabilire quali esigenze l’istituto in questione debba soddisfare e – di conseguenza – quali caratteristiche esso debba assumere. L’analisi riguarderà sia il dibattito sul significato del tempo prescrizionale e sulle funzioni assolte dalla prescrizione in rapporto alla teoria della pena, sia i principi fondanti e la collocazione sistematica dell’istituto nell’ordinamento penale italiano.

Laurea liv.I

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Margherita Cerizza Contatta »

Composta da 118 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3956 click dal 20/07/2007.

 

Consultata integralmente 13 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.