Skip to content

Dalla Commissione al Consiglio dei Diritti Umani

Informazioni tesi

  Autore: Roberto Capacci
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli studi di Genova
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Relazioni internazionali
  Relatore: Pierangelo Celle
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 164

Il Consiglio dei diritti umani è stato istituito con la risoluzione 60/251 dell’Assemblea Generale dell’8 maggio 2006. Il nuovo organo deve tener fede alla promessa di mantenere e migliorare tutti i mandati, meccanismi, funzioni e le mansioni della Commissione. Ma sarà nell’ “attitudine di spirito dei suoi membri” la chiave fondamentale di svolta rispetto alle mancanze del precedente organo, come ha affermato l’ex S.G. Kofi Annan. E’ introdotto il meccanismo dell’esame periodico universale che porterebbe alla discussione volontaria da parte di ogni stato sulla situazione dei diritti umani nel proprio territorio. Per evitare delle sovrapposizioni di competenze, con il sistema del corpo dei trattati delle Nazioni Unite già operante, il nuovo meccanismo dovrà certamente recepire le informazioni già esistenti e prodotte laddove esistenti e promuovere contemporaneamente un dialogo che sia costruttivo e regolare con i paesi in esame, secondo l’ottica del “meccanismo cooperativo” sottolineata nella risoluzione 60/251. Sulla revisione delle procedure speciali bisognerà focalizzare l’attenzione sulla razionalizzazione del numero dei mandati, evitando inutili sovrapposizioni, e sul potenziamento delle capacità operative dei titolari di mandato. Durante la fase di elezione dei membri del Consiglio, particolare rilevanza sarà data a coloro che offriranno maggiori garanzie di contributi alla promozione e alla protezione dei diritti umani e gli impegni assunti volontariamente. Un’altra novità consiste nel fatto che l’Assemblea potrà sospendere il diritto a far parte del Consiglio a un membro che commetta evidenti e sistematiche violazioni dei diritti in oggetto. Il Consiglio si riunirà più volte durante l’anno per un minimo di 3 sessioni ordinarie, per una durata complessiva non inferiore a 10 settimane l’anno e sarà in grado inoltre di organizzare sessioni speciali quando necessario. Verrà agevolata la presenza e l’attività delle Organizzazioni non governative, che non subiranno come negli anni recenti, limitazioni del tempo di parola, della libertà d’azione, della possibilità di presentare dei documenti scritti. In particolare quest’ultime dovranno essere al centro dell’azione dell’esame periodico universale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduzione: All’alba del nuovo millennio, nel settembre del 2000, i capi di stato e di governo facenti parte delle Nazioni Unite, s’incontrarono a New York in occasione della “Dichiarazione del Millennio”, per “riaffermare il rispetto dei diritti umani e delle libertà fondamentali, il rispetto dell’uguaglianza dei diritti di tutti, senza distinzione di razza, di sesso, di lingua o di religione per cooperare a livello internazionale al fine di risolvere i problemi internazionali a carattere economico, sociale, culturale e umanitario” 1 . Veniva affermato che la “principale sfida” dei nostri giorni è quella di trasformare la “mondialisation” o globalizzazione, in una forza positiva per l’umanità intera. A questo proposito furono indicati alcuni valori fondamentali che, a partire da quel momento, avrebbero costituito il punto fermo delle relazioni internazionali: la libertà, l’ uguaglianza, la solidarietà, la tolleranza, il rispetto della natura, la divisione delle responsabilità. In particolare nei confronti dei diritti umani venivano confluiti “tutti gli sforzi al fine di preservare la democrazia e il rispetto dei diritti umani e delle libertà fondamentali riconosciute sul piano internazionale, compreso il diritto allo sviluppo” 2 . I pilastri sui quali deve reggersi tale affermazione riposano sull’applicazione completa della Carta e della Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo, la promozione e la protezione integrale dei diritti civili e politici, economici, sociali e culturali delle persone, sul rafforzamento delle capacità necessarie per applicare i principi e le pratiche della democrazie e del rispetto dei diritti umani, sulla lotta contro la violenza contro le donne, per assicurare il rispetto e la protezione dei diritti fondamentali degli emigranti e delle loro famiglie, sull’adozione in tutti i 1 Assemblea Generale delle Nazioni Unite, Dichiarazione del Millennio, New York, 13 settembre 2000. 2 Ibid.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

commissione dei diritti umani
consiglio dei diritti umani
darfour
diritti umani
human rights council
nazioni unite
onu
organizzazioni internazionali
palestina e isreale

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi