Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Internet: La 'nave ammiraglia' dell'inglese globale?

-Lo studio riguarda due fenomeni contemporanei:
- il primo è la tecnologia avanzata dei computer che consente la trasmissione di dati di vario tipo da una parte del mondo ad un'altra in pochi secondi;
- la seconda è l'Inglese, un linguaggio che per il suo numero elevato di parlanti non nativi è pervenuto vicino allo status di lingua universale.
Questi due fenomeni - la tecnologia avanzata dei computer e l'Inglese con il suo status di linguaggio mondiale - sono affratellati in una unità e formano qualcosa che è realmente eccezionale ed unico, qualcosa che è multinazionale e la cosa più globale mai nella storia dell'umanità: essi formano la rete delle reti, Internet, e l'Inglese come la sua lingua franca sembra essere la parte inseparabile della rete. Lo studio tenta di mostrare gli aspetti più importanti e le implicazioni dello status dell'Inglese come la lingua franca di Internet, uno status che riflette la posizione dominante dell'Inglese come linguaggio più usato nel mondo.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE L'avvento e la diffusione di Internet costituiscono probabilmente l'evento più importante della fine del ventesimo secolo e dell'inizio del nuovo millennio. Certamente, oggigiorno, l'intera umanità ha a disposizione uno strumento molto potente ed eccezionale. La nuova tecnologia delle comunicazioni sta producendo una rivoluzione in molti aspetti delle nostre vite ed i suoi effetti futuri sono ancora imprevedibili. Internet sta cambiando il nostro modo di lavorare, studiare, fare acquisti, effettuare transazioni finanziarie e d'affari, ma sta causando principalmente una rivoluzione nel modo di comunicare con altra gente. La comunicazione attraverso il mondo non è mai stata così facile, a basso costo, ricca di contenuti e, soprattutto alla portata di tutti. Nel ciberspazio (cyberspace) 1 , lo spazio virtuale di Internet, non c'è differenza tra lo spedire una e- mail 2 , partecipare ad una video-conferenza, chattare 3 con l'amico della porta accanto oppure con il nostro “ciber” amico della Nuova Zelanda. Su Internet, il concetto di distanza perde molto del suo significato. Noi tutti stiamo diventando sempre più cittadini del “villaggio globale”descritto da McLuhan 4 poche decadi fa (preistoria, considerando l'evoluzione ad alta velocità di Internet), che sta diventando realtà. Siamo quasi costretti a modificare alcune abitudini della nostra vita, a pensare e vedere cose da una nuova prospettiva globale e planetaria. 1 Espressione inventata da Gibson (1984). Deriva dalla parola greca “kubernao”, che significa “governo”, “uso del timone”, “controllo”. Il termine è usato correntemente per descrivere l'intera gamma di risorse d'informazione disponibili tramite le reti di computer. “Ciber” (cyber) come prefisso è utilizzato adesso come descrizione di una gamma di attività. Un cibernauta (cybernaut) è una persona che naviga (cruises) attraverso reti e servizi on line; un ciberbibliotecario (cyberlibrarian) è qualcuno che usa Internet per ricerca; un ciberpunk (cyberpunk) è una presenza anarchica che vive del suo ingegno; ecc. 2 Posta elettronica (vedi Sezione 2.3). Messaggi, di solito testo, spediti da una persona all'altra via computer. La posta elettronica può essere anche spedita automaticamente ad un ampio numero di indirizzi – Mailing List (vedere Sezione 2.7) (Il glossario di Matisse dei termini di Internet). 3 Per comunicare in tempo reale attraverso Internet (vedere Sezione 2.4). Quando chattiamo con qualcuno, le parole scritte appaiono in uno schermo condiviso (Il linguaggio di Internet). 4 McLuhan (1964).

Traduzione

Facoltà: Economia

Traduttore: Corrado Bissoli Contatta »

Composta da 140 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3318 click dal 01/08/2007.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.