Skip to content

Antibiotico-resistenza in ceppi di lactococcus garvieae isolati da salmonidi nel periodo 1994-2005

Informazioni tesi

  Autore: Donato Pennelli
  Tipo: Tesi di Specializzazione/Perfezionamento
Specializzazione in Allevamento, Igiene, Patologia delle Specie Acquatiche e Controllo dei Prodotti Derivati
Anno: 2007
Docente/Relatore: Vittorio Moretti
Istituito da: Università degli Studi di Milano
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 50

Attraverso questo lavoro sperimentale, svolto presso l’Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e dell’Emilia Romagna – Sede di Brescia, si intende fornire un contributo allo studio della antibiotico-resistenza di Lactococcus (L.) garvieae in allevamenti italiani di salmonidi.
Sono stati esaminati un totale di 73 ceppi di L. garvieae isolati da trota iridea (Oncorhynchus mykiss) nel periodo 1994-2005, provenienti da insediamenti produttivi dell’Italia settentrionale. Si è proceduto alla applicazione del metodo della diffusione in agar (Kirby-Bauer); ciascun ceppo è stato testato con un pannello allargato di 27 antimicrobici: Amminosidina (60 μg), Amoxicillina (25 μg), Amoxicillina + acido clavulanico (20/10 μg), Apramicina (15 μg), Cefalotina (30 μg), Cefquinome (10 μg), Ceftiofur (30 μg), Colistina (10 μg), Danofloxacin (5 μg), doxiciclina (30 μg), Enrofloxacin (5 μg), Eritromicina (15 μg), Florfenicolo (30 μg), Flumequine (30 μg), Gentamicina (10 μg), Kanamicina (30 μg), Marbofloxacina (5 μg), Neomicina (10 μg), Penicillina (10 U.I.), Spiramicina (100 μg), Sulfadiazina (25 μg), Tetraciclina (30 μg), Tiamfenicolo (30 μg), Tiamulina (30 μg), Tilmicosina (15 μg), Trimethoprim + sulfametoxazolo ( 1.25/23.75 μg), tulatromicina (30 μg). Tali molecole sono state selezionate tenendo conto della normativa attuale sul farmaco veterinario, dell’esito di ricerche precedenti e della letteratura nazionale ed internazionale attualmente disponibile sull’argomento.
Dall’esame dei risultati ottenuti si evince una assoluta resistenza nel periodo di studio per flumequine ed un riscontro di poco inferiore per colistina, sulfadiazina e tiamulina; a seguire un grado di antibiotico-resistenza decrescente per le altre molecole testate. Degno di nota è il riscontro di piena sensibilità in tutti i ceppi testati per le seguenti molecole: amoxicillina, amoxicillina + acido clavulanico e gentamicina; un riscontro molto soddisfacente è stato ottenuto anche per cefquinome, eritromicina, florfenicolo, marbofloxacina, doxiciclina e tiamfenicolo.
Si può considerare che viene confermata l’efficacia di eritromicina, tetraciclina, amoxicillina, tiamfenicolo, enrofloxacin e doxiciclina come presidi utili a contrastare la lattococcosi in allevamento; una valutazione analoga può farsi per flumequine, quanto a conferma di assoluta inefficacia nella terapia farmacologica.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
LE INFEZIONI DA COCCHI GRAM POSITIVI IN PISCICOLTURA Le infezioni da cocchi Gram positivi, anche identificate con il termine generico di Streptococcosi, sono patologie a diffusione cosmopolita che colpiscono pesci sia dulciacquicoli che marini. A breve distanza dal primo isolamento in Italia, avvenuto nel corso dell’estate 1991 (Ghittino et al., 1991), la Streptococcosi si è diffusa in numerose troticolture ed è ormai presente in diversi distretti dell’Italia Settentrionale (Ghittino & Prearo, 1993). Le Streptococcosi possono essere sostenute da diversi agenti eziologici, fra i quali alcuni patogeni in acque con temperature superiori a 15° C (acque calde), come Lactococcus (L.) garvieae, Streptococcus (S.) agalactiae, S. iniae, S. parauberis ed altri patogeni in acque con temperature inferiori a 12° C (acque fredde), come Vagococcus (V.) salmoninarum e L. piscium. Tali infezioni sono accomunate e caratterizzate dal fatto di colpire selettivamente pesci di grossa taglia (peso superiore ai 50 grammi) e di provocare comparsa di un evidente esoftalmo; il novellame risulta invece pressoché refrattario (Eldar & Ghittino, 1999; Ghittino & Pedroni, 2001). Le Streptococcosi d’acqua calda sono di gran lunga le più importanti; vengono spesso annoverate tra le patologie dominanti e sono responsabili di notevoli danni economici in varie forme di piscicoltura. 4

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

acquacoltura
antibiogramma
antibiotico
antibiotico-resistenza
kirby-bauer
lactococcus garvieae
salmonidi
trota iridea
troticoltura

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi