Skip to content

Agcom e pubblicità

Informazioni tesi

  Autore: Giorgia Barberis
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Scienze giuridiche
  Relatore: Roberto Caranta
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 87

L’argomento prescelto per la stesura della tesi è subordinato ad un preciso iter progettuale cui conseguono un metodico sviluppo e riflessioni personali.
Filo conduttore del lavoro sono i mutamenti socio-culturali legati alle norme legislative del secolo scorso e del nuovo millennio: mutamenti in ordine alla tecnologia; rinnovamento e conquiste relativi ai diritti sociali; ruoli nuovi e più incalzanti per lo Stato e la sua amministrazione; nuovi modi di intendere la concorrenza vista come sistema di comunicazione vantaggioso per il mercato, trasparente nell’offerta e non sempre dannosa per i consumatori (pensiero, quest’ultimo, in linea con l’impostazione comunitaria).
L’analisi quindi di un processo, iniziato a fine ‘800 in America, che ha visto in parallelo affermarsi un nuovo modello di amministrazione, quello delle Autorità amministrative indipendenti, autonome e dotate di poteri propri. Ne consegue la necessità di approfondire i motivi per cui nuove istituzioni si sviluppano e si diffondono anche in Europa, tenendo conto del moltiplicarsi degli interessi sociali e dell’incapacità dello Stato di tutelarli in maniera forte ed imparziale.
A seguito dell’introduzione storica diventa necessario analizzare, in modo più specifico, i dati legati all’Autorità garante per le comunicazioni, che nasce in Italia nel 1997, nonché quelli legati ai suoi poteri ed alle sue funzioni, ponendo l’accento sulla questione della convergenza tecnologica e delle implicazioni costituzionali che ne derivano.
I poteri dell’Agcom emergono così nel loro essere normativi, amministrativi e paragiurisdizionali, senza dimenticare la loro forza in materia di antitrust, aumentata nel corso degli anni; forza che esercita insieme all’Autorità garante della concorrenza e del mercato.
Tra i tanti ambiti in cui l’Agcom svolge la sua attività, la tesi si sviluppa focalizzando questa tematica tenendo in particolare conto la comunicazione televisiva e, in nuce , quella legata al messaggio pubblicitario. Il punto di partenza, in questo caso, non può che essere la trattazione dei principi costituzionali a cui l’attività televisiva deve conformarsi e, in particolare, la disamina delle limitazioni che ne derivano, dovendo questi principi essere obbligatoriamente bilanciati tra di loro (un esempio su tutti: articoli 21 e 41 della Costituzione), con specifico sottolineare delle limitazioni che poi si rinvengono anche nel più ambiguo settore pubblicitario (come i limiti antitrust, le restrizioni al fatturato pubblicitario o, più semplicemente, le regole dettate in ordine a tempi e modi in cui può essere trasmesso uno spot).
Intenzione di prosieguo dettagliare al massimo il cap. III. Qui vengono esaminati leggi e regolamenti che disciplinano ed indirizzano l’Autorità garante per le comunicazioni, e viene esplicato quali possono essere i casi più frequenti in cui essa è chiamata ad intervenire per rendere effettivi i principi cui si ispira e che deve garantire (primo fra tutti il principio pluralistico, nelle sue accezioni interne ed esterne). Diventa pertanto fondamentale estrapolare ed analizzare le caratteristiche di un messaggio pubblicitario, cercando di capire come si renda riconoscibile al suo pubblico, passando nel dettaglio alla pubblicità clandestina, al product placement ed alle regole cui è sottoposta la propaganda elettorale.
Per una trattazione completa del fenomeno pubblicitario, inoltre, non è certo possibile prescindere dall’occuparsi, seppur sinteticamente, di un’altra Autorità indipendente, nata questa nel 1990, che va a sanzionare la pubblicità ingannevole o comparativa illecita e che, nel prendere le decisioni in merito a ciò, tiene conto del parere (seppur non vincolante) dell’Agcom: l’Autorità garante della concorrenza e del mercato su citata per i poteri antitrust.
La trattazione prevede un sintetico quadro generale (quando nasce, da chi è composta, di quali poteri e funzioni è dotata) per soffermarsi su come l’Autorità agisca quando si trova di fronte ad un caso di pubblicità ingannevole e, in fundo, descrivere ed analizzare l’iter procedurale di un caso risalente all’inizio del 2006.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Premessa L’argomento prescelto per la stesura della tesi è subordinato ad un preciso iter progettuale cui conseguono un metodico sviluppo e riflessioni personali. Filo conduttore del lavoro sono i mutamenti socio-culturali legati alle norme legislative del secolo scorso e del nuovo millennio: mutamenti in ordine alla tecnologia; rinnovamento e conquiste relativi ai diritti sociali; ruoli nuovi e più incalzanti per lo Stato e la sua amministrazione; nuovi modi di intendere la concorrenza, vista come sistema di comunicazione vantaggioso per il mercato, trasparente nell’offerta e non dannosa per i consumatori (pensiero, quest’ultimo, in linea con l’impostazione comunitaria). L’analisi quindi di un processo, iniziato a fine ‘800 in America, che ha visto in parallelo affermarsi un nuovo modello di amministrazione, quello delle Autorità amministrative indipendenti, autonome e dotate di poteri propri. Ne consegue la necessità di approfondire i motivi per cui nuove istituzioni si sviluppano e si diffondono anche in Europa, tenendo conto del moltiplicarsi degli interessi sociali e dell’incapacità dello Stato di tutelarli in maniera forte ed imparziale. A seguito dell’introduzione storica diventa necessario analizzare, in modo più specifico, i dati legati all’Autorità garante per le comunicazioni, che nasce in Italia nel 1997, nonché quelli legati ai suoi poteri ed alle sue funzioni, ponendo l’accento sulla questione della convergenza tecnologica e delle implicazioni costituzionali che ne derivano. I poteri dell’Agcom emergono così nel loro essere normativi, amministrativi e paragiurisdizionali, senza dimenticare la loro forza in materia di antitrust, aumentata nel corso degli anni; forza che esercita insieme all’Autorità garante della concorrenza e del mercato. Tra i tanti ambiti in cui l’Agcom svolge la sua attività, la tesi si sviluppa tenendo in particolare conto la comunicazione televisiva e, in nuce , quella legata al messaggio III

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi