Skip to content

La riqualificazione di un sito montano: analisi di compatibilità ambientale

Informazioni tesi

  Autore: Simone Garziera
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1999-00
  Università: Politecnico di Torino
  Facoltà: Architettura
  Corso: Architettura
  Relatore: Mario Grosso
Coautore: Gianluca Cresti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 116

Il mayen di Vaysset, un’antica casa contadina valdostana, posta sulla sinistra orografica della Val d’Aosta, nel comune di S.Denis, è stata oggetto di questo studio sull’eco-compatibilità di una struttura ricettiva in territorio montano.
La struttura dovrà poter accogliere venti persone durante tutto l’anno solare, inverno compreso.
Il dimensionamento degli impianti è stato effettuato ipotizzando il mayen nel massimo delle sue potenzialità operative. Questa ipotesi, se da una parte tende a sovradimensionare le strutture, dall’altra da la sicurezza di possedere sufficienti risorse energetiche per poter far fronte ad ogni necessità.
Analizzando i metodi e le tecnologie più consone a rendere un’abitazione di questo tipo autosufficiente dal punto di vista energetico, ed eco-compatibile dal punto di vista edile, la nostra prima attenzione è stata quella di rimanere sempre ben ancorati alla praticabilità e alla realtà degli interventi, senza dare spazio ad analisi troppo fantasiose o aleatorie e futuristiche. Per questo siamo spesso ricorsi all’aiuto di chi in questo settore ci vive, ossia di ingegneri, architetti ed imprenditori che più volte, nel corso del presente lavoro, ci siamo preoccupati di ringraziare.
L’energia elettrica, occorrente al mayen solamente per la luce e per gli elettrodomestici, proviene da un sistema di pannelli fotovoltaici. Il campo fotovoltaico sarà composto da quaranta moduli aventi potenza unitaria di 80 Wp per un totale di 3,12 kWp, collegati in serie a due a due in modo da ottenere 24 V di alimentazione. La superficie totale dei pannelli risulta di circa 40 mq. I pannelli verranno posti a terra per rendere più facile la loro osservazione da parte degli ospiti della struttura, che si pone anche e soprattutto uno scopo didattico riguardo le tecnologie che la compongono.
L’impianto sarà predisposto di una serie di 12 batterie, da 2 Volts e 1500 Ampère, occorrenti ad accumulare l’energia captata dal fotovoltaico e in esubero, in quel preciso momento, per le necessità del mayen. Un inverter trasformerà la corrente a bassa tensione continua proveniente dal fotovoltaico (24 Volts), in corrente alternata ad alta tensione necessaria al mayen. L’inverter, attraverso la sua centralina, si occuperà di mettere in moto un gruppo elettrogeno a gasolio, utile a fornire energia nei momenti in cui il fotovoltaico non può farlo e le batterie sono prossime ad essere scariche. Il sistema dimensionato secondo i criteri sopra descritti procurerà una potenza di 3 kWh, anche il gruppo elettrogeno sarà in grado di fornire la stessa potenza. Esso sarà indispensabile nei mesi invernali.
Il riscaldamento dei locali verrà effettuato con acqua calda, che scalderà dei radiatori a grande piastra radiante.
L’acqua calda, che occorrerà anche per esigenze igieniche e di cucina, verrà procurata grazie al doppio impianto termo-sanitario. Esso sarà composto da un sistema di collettori solari ad alta resa, integrati da una termocucina, anch’essa ad alta resa.
I collettori solari vengono definiti ad alta resa poiché, grazie al vuoto d’aria che viene creato nei tubi circolari che li compongono, non soffrono di dispersione di calore per conduzione. Il vuoto, infatti, non trasporta calore, come invece fa l’aria. Questo permette loro di scaldare il termovettore che scorre nelle loro tubature anche durante l’inverno e le giornate con cielo grigio, a differenza dei collettori tradizionali.
Secondo il dimensionamento ne occorrerà una superficie di 24 mq; verranno inclinati a 60° rispetto l’orizzontale per ottimizzarne la resa invernale. Anch’essi saranno posti a terra.
Il termovettore , composto da acqua e antigelo, trasporta il calore accumulato ad un’ecocella, ossia un grosso boiler molto ben coibentato, in grado di contenere 800 litri d’acqua, riscaldati in parte dal termovettore proveniente... (continua)

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 PARTE PRIMA Analisi del contesto:la valle d’Aosta e il mayen di Vaysset 1.1 INQUADRAMENTO GEOGRAFICO La Valle d’Aosta, una delle principali vallate dell’arco alpino, è posta all’estremità nord occidentale della penisola italiana, al confine con Francia e Svizzera, alle quali è collegata attraverso i trafori del Monte Bianco e del Gran S.Bernardo.Questi collegamenti stradali la rendono accessibile da tutto il nord Europa, facendola divenire una delle principali vie di transito e comunicazione con il resto del continente europeo. Di forma grossolanamente rettangolare, la Valle d’Aosta è incentrata sull’incisione valliva della Dora Baltea, fiume che per circa cento chilometri, dal Monte Bianco al canavese, scorre nella valle centrale della regione raccogliendo le acque che scendono dalle sedici vallate laterali, perpendicolari ad essa. Ciò che più caratterizza questa regione, dal punto di vista geografico, sono le montagne, che qui sono le più alte dell’intero arco alpino. A nord, in particolare, si staglia una nutrita schiera di cime che forma quasi uno sbarramento verso la Svizzera: dal Monte Bianco al Monte Rosa, passando per il Cervino e il Gran Combin, il panorama è veramente imponente, degno del soprannome che la valle si è meritata:”tetto d’Europa”. Questo soprannome non è né casuale né esagerato se si pensa che la sua quota media è di 2106 metri sul livello del mare, grazie alle oltre venti vette che superano i 4000 metri di quota. A sud il panorama si presenta un po’ meno severo, ma sempre maestoso grazie al gruppo del Gran Paradiso, della Grivola, dell’Emilius e del Rutor. La valle d’Aosta, geograficamente, si può suddividere in due parti:la cosiddetta alta valle e la bassa valle. L’alta valle è caratterizzata dal suo andamento est-ovest, mentre la bassa valle è orientata da nord a sud. Il punto in cui la valle si piega si trova in corrispondenza di una delle tre strettoie della valle centrale, e precisamente con la strettoia di Montjovet. Le strettoie che caratterizzano la valle della Dora Baltea sono dei punti in cui essa si restringe molto,cambiando fisionomia: da valle ampia e ricca di pianori antropizzabili, si trasforma in stretta ed angusta gola, larga non più della larghezza del fiume che vi scorre, per l’appunto la Dora Baltea. Queste strettoie si collocano in tre punti caratteristici della regione: uno di essi è, come abbiamo già detto, il comune di Montjovet, un altro si trova nel comune di Bard, mentre l’ultimo è ubicato nel comune di Pierre-Taillée; la ragione della loro esistenza è da ricercarsi nella storia geologica della regione. In corrispondenza della strettoia di Montjovet, come già descritto, la valle cambia direzione e da nord-sud si dirige da est a ovest. Subito ad ovest di questa curva a novanta gradi, poco oltre le località di S.Vincent e di Chatillon, la valle si riapre generosamente e sul suo versante orografico sinistro, ossia sul versante che guarda il sud, sopra il comune di Chambave, si apre un ampio terrazzo su cui sono posti i comuni di Verrayes e di S.Denis; proprio in quest’ultimo comune si trova il mayen di Vaysset, oggetto di questo studio.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

ambiente
bioarchitettura
compatibilità ambientale

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi