Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Turismo tedesco in Italia e a Rimini: ieri, domani

Il fine di questo studio è l’identificazione socio-culturale del “turista tedesco”, con particolare attenzione ai suoi viaggi in Italia. Il lavoro si articola in 3 fasi: la prima è un’analisi storico-economica dei fattori culturali che portarono al turismo di massa verso l’Italia dalla prima metà del secolo agli anni ’80, definendo lo stereotipo italiano in Germania e considerando anche il ruolo dei media, per capire da dove nacque tale impulso. La seconda fase è un’analisi dei viaggi dei tedeschi nel 2006, basata su uno studio della FUR, azienda tedesca di indagini statistiche, volge a descrivere i flussi turistici attuali ed annuncia i trend futuri. La parte finale consiste nell’analisi di un questionario sottoposto nella città di Colonia ad un campione casuale semplice di 100 individui di età mista riguardo la conoscenza e la frequentazione dell’Italia e della Riviera Romagnola a scopo di vacanza, con percentuali di gradimento, nonché punti di maggiore attrattività. Le conclusioni evidenziano, con supporto numerico, i punti focali della passione dei tedeschi per il Belpaese.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 Abstract Il fine di questo studio è l’identificazione socio-culturale del “turista tedesco”, con particolare attenzione ai suoi viaggi in Italia. Il lavoro si articola in 3 fasi: la prima è un’analisi storico- economica dei fattori culturali che portarono al turismo di massa verso l’Italia dalla prima metà del secolo agli anni ’80, definendo lo stereotipo italiano in Germania e considerando anche il ruolo dei media, per capire da dove nacque tale impulso. La seconda fase è un’analisi dei viaggi dei tedeschi nel 2006, basata su uno studio della FUR, azienda tedesca di indagini statistiche, volge a descrivere i flussi turistici attuali ed annuncia i trend futuri. La parte finale consiste nell’analisi di un questionario sottoposto nella città di Colonia ad un campione casuale semplice di 100 individui di età mista riguardo la conoscenza e la frequentazione dell’Italia e della Riviera Romagnola a scopo di vacanza, con percentuali di gradimento, nonché punti di maggiore attrattività. Le conclusioni evidenziano, con supporto numerico, i punti focali della passione dei tedeschi per il Belpaese. Introduzione “ I tedeschi amano gli italiani ma non li stimano, gli italiani stimano i tedeschi ma non li amano”. Questa frase riassume forse due identità culturali, che si oppongono e si attraggono allo stesso tempo. Obiettivo di questo studio è di identificare con precisione, con l’aiuto della statistica quale scienza che descrive ed interpreta i fenomeni collettivi, l’immagine percepita in Germania del nostro Paese, le caratteristiche dello stereotipo che ci portiamo dietro, che ci caratterizza e ci definisce in modo quasi categorico agli occhi degli stranieri, in questo caso dei tedeschi, e di capire inoltre come questo stereotipo sia diventato passione, e se lo è ancora. Nei primi capitoli analizziamo le cause storiche e culturali che permisero all’Italia di diventare così ambita e desiderata dal popolo teutonico fin dal XVIII sec., dalla nostalgia di Goethe per “la terra dove fioriscono i limoni”, agli incentivi del Dritten Reich che favorivano viaggi organizzati a Roma con visita guidata agli edifici dell’”era di Mussolini”, dalla “dolce vita”, al turismo di massa sulla Riviera Romagnola. Si evidenziano 3 fasi di sviluppo contraddistinte da altrettanti cambiamenti economici e sociali, in ognuna delle quali è possibile dare causalità al nascere del turista tedesco moderno, inserendolo nel suo background storico. L’analisi storica è arricchita di dati statistici (dove disponibili) e di considerazioni prettamente economiche.

Tesi di Laurea

Facoltà: ECONOMIA DEL TURISMO

Autore: Serena Iezzi Contatta »

Composta da 91 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4321 click dal 09/10/2007.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.