Skip to content

Gli Stati Uniti e la distensione degli anni Settanta

Informazioni tesi

  Autore: Daniel Mori
  Tipo: Tesi di Dottorato
Dottorato in Storia moderna e contemporanea
Anno: 2007
Docente/Relatore: Federico Romero
Correlatore: MarioDel Pero
Istituito da: Università degli Studi di Firenze
Dipartimento: Dipartimento di Studi Storici e Geografici
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 181

La comunità degli storici della guerra fredda sta attraversando una sorta di crisi d’identità. La casistica è ampia e la sintomatologia inequivocabile: mentre l’International Center of Advanced Studies della New York University domanda ai suoi ricercatori di non accettare la «consueta cronologia e geografia della guerra fredda» , fioccano convegni nei quali si tenta di «respingere i quadri mentali della guerra fredda» . Che il paradigma della guerra fredda, nella sua valenza originale, sia in parte obsoleto è sotto gli occhi di tutti: esso mal si applica a processi quali decolonizzazione e sottosviluppo, ed il rigoroso bipolarismo che presuppone è una categoria adatta alla politologia, ma troppo rigida per la storiografia.
L’imbarazzo di molti storici nasce dall’assenza di modelli teorici alternativi e convincenti, capaci di inserire con coerenza la guerra fredda in un sistema descrittivo dell’intera storia mondiale degli ultimi sessanta anni. Il risultato di questo stato d’animo è stato il progressivo ridimensionamento della guerra fredda nel suo arco cronologico – avviene, così, che i «cinquant’anni di guerra fredda» raccontati da Crockatt diventino circa venti – e nel suo spazio geografico: non più conflitto universale est-ovest, ma frizione latitudinale nel complesso rapporto con decolonizzazione e globalizzazione.
Come ogni crisi, quella della storiografia della guerra fredda non è isolata: «disagio e inquietudine – osserva De Luna – questi sono i segnali che provengono dagli storici della contemporaneità» . L’incontro con la contemporaneità ha procurato alla storia diplomatica la contaminazione con elementi di storia economica e sociale, sociologia, psicologia che ne ha profondamente scosso le fondamenta: allo studio dei trattati, delle istituzioni e della loro produzione documentaria, si sono affiancate indagini sulle pressioni sociali e sulle forze economiche transnazionali divenute protagoniste nel secolo delle masse e della globalizzazione .
Alla radice della crisi della storiografia della guerra fredda sta un peccato originale, un’induzione avvenuta mezzo secolo fa ed iterata, pur in forme attenuate, fino all’implosione dell’Unione Sovietica: che la storia della guerra fredda sia la storia internazionale del periodo 1945-91, quando invece ne è solo una trama, ancorché forse la più manifesta. Questo fraintendimento, effetto della medesima pulsione totalizzante della guerra fredda, è il nodo venuto al pettine con la recente emersione delle altre dinamiche della storia della seconda metà del ventesimo secolo: il terrorismo internazionale di segno islamista è stato il marchio di un nuovo periodo che non è affatto iniziato l’11 settembre 2001, come una smemoratissima vulgata politico-giornalistica si è affrettata a certificare il 12 settembre di quello stesso anno, bensì il 4 settembre 1972 alle olimpiadi di Monaco. Né erano una novità i disastri umanitari post-coloniali in Africa: laddove, nel deserto dell’Ogaden, l’amministrazione americana credeva fosse stata sepolta la distensione nel 1978 , e gli storici che fosse stato scritto un nuovo capitolo della guerra fredda, le trame della decolonizzazione si mostrarono in tutta la loro drammatica complessità quando la missione internazionale di pace degli anni Novanta fallì in un silenzio di tomba. Non era, tuttavia, la tomba della distensione ma semmai quella degli ideali del Terzo Mondo.
Questa tesi di dottorato muove dalla convinzione che gli anni Settanta abbiano rappresentato la cesura epocale più importante della storia internazionale della seconda metà del XX secolo: la fine della «età dell’oro» e del modernismo , i cambiamenti della territorialità e la «morte del sogno[americano]» sono stati collocati tutti nel travaglio degli anni Settanta. Questa serie di mutamenti, solo in parte legati alla guerra fredda, produsse anche un nuovo sistema di relazioni USA-URSS conosciuto come détente, o distensione. (Tentare di) inserire la trama della distensione nella storia americana e mondiale degli ultimi sessanta anni è un modo, a parer mio, di espiare il peccato originale col quale, in passato, la storia degli anni Settanta e del rapporto Washington-Mosca è stata ridotta ad un capitolo della guerra fredda.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE La comunità degli storici della guerra fredda sta attraversando una sorta di crisi d’identità. La casistica è ampia e la sintomatologia inequivocabile: mentre l’International Center of Advanced Studies della New York University domanda ai suoi ricercatori di non accettare la «consueta cronologia e geografia della guerra fredda» 1 , fioccano convegni nei quali si tenta di «respingere i quadri mentali della guerra fredda» 2 . Che il paradigma della guerra fredda, nella sua valenza originale, sia in parte obsoleto è sotto gli occhi di tutti: esso mal si applica a processi quali decolonizzazione e sottosviluppo, ed il rigoroso bipolarismo che presuppone è una categoria adatta alla politologia, ma troppo rigida per la storiografia. L’imbarazzo di molti storici nasce dall’assenza di modelli teorici alternativi e convincenti, capaci di inserire con coerenza la guerra fredda in un sistema descrittivo dell’intera storia mondiale degli ultimi sessanta anni. Il risultato di questo stato d’animo è stato il progressivo ridimensionamento della guerra fredda nel suo arco cronologico – avviene, così, che i «cinquant’anni di guerra fredda» raccontati da Crockatt 3 diventino circa venti – e nel suo spazio geografico: non più conflitto universale est-ovest, ma frizione latitudinale nel complesso rapporto con decolonizzazione e globalizzazione. Come ogni crisi, quella della storiografia della guerra fredda non è isolata: «disagio e inquietudine – osserva De Luna – questi sono i segnali che provengono dagli storici della contemporaneità» 4 . L’incontro con la contemporaneità ha procurato alla storia 1 Si veda il sito web www.nyu.edu . 2 The Cold War in Italy. Italy in the Cold War, convegno organizzato da: Centro Interuniversitario di Storia e Politica Euro-Americana, Università di Firenze, New York University; Firenze, giugno 2003. 3 R. Crockatt, The Fifty years war, London-New York, Routledge, 1995; trad. It., Cinquant’anni di Guerra fredda, Roma, Salerno, 1997. 4 G. De Luna, La passione e la ragione, Milano, La Nuova Italia, 2001; p. IX.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

america
basket iii
détente
diritti umani
distensione
ford
guerra fredda
helsinki
jackson
kissinger
mosca
nixon
politica estera americana
relazioni internazionali
salt
storia americana
storia diplomatica
usa
vietnam
vladivostok
washington

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi