Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'assicurazione vita: strumento alternativo d'investimento e di risparmio

L’esigenza di porre un rimedio agli eventi negativi che possono colpire il normale corso della vita umana ha portato nel tempo alla nascita del concetto di assicurazione.
Dalle forme elementari succedutesi ai primi albori della sua esistenza si è arrivati, col passare dei secoli, a forme evolutissime, sino a giungere ad affermare che oggi nulla non è più assicurabile.
L’evoluzione del concetto di assicurazione ha portato a forme sempre più sofisticate, passando anche da un punto di vista terminologico dal definire i contratti di assicurazione da polizze a prodotti, come a sottolineare il mutato contesto competitivo.
Mentre prima il settore assicurativo era riservato alle tradizionali compagnie assicurative, che agivano tramite il braccio operativo degli agenti e dei procacciatori d’affari, oggi, a causa della despecializzazione, è facile trovare soggetti estranei al settore assicurativo facenti parte del più ampio settore finanziario.
L’evoluzione di prodotto che è intervenuta nei mercati finanziari ha investito anche i prodotti assicurativi fino ad arrivare a costruire schemi “ibridi”, i quali presentano una forte componente finanziaria a discapito di quella assicurativa.
L’elemento essenziale è stato il trasferimento di parte del rischio dall’assicuratore all’assicurato, specie nei prodotti a contenuto sostanzialmente finanziario.
Lo scopo del presente lavoro è quello di analizzare i principali prodotti assicurativi vita, dopo averne succintamente decritto le caratteristiche tecniche generali.
Nel primo capitolo, dopo aver tracciato un breve excursus storico, si analizzano le caratteristiche tecniche dei contratti vita, evidenziando in particolare gli strumenti a presidio della stabilità dei soggetti offerenti in un’ottica di tutela degli assicurati.
Nel secondo capitolo si analizzano succintamente le caratteristiche e le tipologie dei contratti vita tradizionali, cercando di mettere in evidenza la loro natura assicurativa, volta a tutelare gli assicurati dal rischio di eventi attinenti la vita umana. L’analisi si sofferma, sia sulle polizze caso vita nelle sue varie articolazioni, che su quelle caso morte e miste.
Un breve cenno è stato dedicato al problema su come preservare l’assicurato dal rischio di svalutazione monetaria, particolarmente forte in questi contratti, data la loro durata generalmente medio – lunga.
Nel capitolo successivo, si dà ampio spazio alle polizze ad elevato contenuto finanziario, sostanzialmente le polizze c. d. “Linked”, sottolineando alcuni aspetti tecnici e soprattutto il rischio di natura prettamente finanziaria. Successivamente si è prospettato un confronto con prodotti finanziari similari, cercando di sottolinearne le peculiarità e i vantaggi delle polizze vita di questo tipo.
Infine, nell’ultimo capitolo della presente trattazione, si esaminano alcuni aspetti legali, peculiari alle polizze vita, la cui disciplina deroga rispetto a quella prevista per i contratti in generale.
Ampio spazio viene dedicato altresì alle problematiche di carattere fiscale, che vertono sui contratti vita facendo riferimento alle singole tipologie di polizze.


Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE L’esigenza di porre un rimedio agli eventi negativi che possono colpire il normale corso della vita umana ha portato nel tempo alla nascita del concetto di assicurazione. Dalle forme elementari succedutesi ai primi albori della sua esistenza si è arrivati, col passare dei secoli, a forme evolutissime, sino a giungere ad affermare che oggi nulla non è più assicurabile. L’evoluzione del concetto di assicurazione ha portato a forme sempre più sofisticate, passando anche da un punto di vista terminologico dal definire i contratti di assicurazione da polizze a prodotti, come a sottolineare il mutato contesto competitivo. Mentre prima il settore assicurativo era riservato alle tradizionali compagnie assicurative, che agivano tramite il braccio operativo degli agenti e dei procacciatori d’affari, oggi, a causa della despecializzazione, è facile trovare soggetti estranei al settore assicurativo facenti parte del più ampio settore finanziario. L’evoluzione di prodotto che è intervenuta nei mercati finanziari ha investito anche i prodotti assicurativi fino ad arrivare a costruire

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Rita Ferraro Contatta »

Composta da 153 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 11680 click dal 06/09/2007.

 

Consultata integralmente 38 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.