Skip to content

Prospettive di sviluppo della presenza italiana in Croazia e Serbia-Montenegro

Informazioni tesi

  Autore: Michele Cimmino
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze Internazionali e Diplomatiche
  Relatore: Carlo Boffito
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 155

L’ analisi dei rapporti fra l’Italia e i vicini Balani, è frutto della volontà di comprendere da cosa nasca quel senso di lontananza ed estraneità che questi paesi fanno nascere in noi. Una lontananza che non si traduce in una mancanza di interesse, bensì in una difficoltà di fondo nel comprendere le dinamiche e i tempi, di un mondo che vive dall’altro lato dell’Adriatico. Senza dimenticare il contesto storico e politico, particolare attenzione è dedicata agli aspetti economici, nel tentativo di individuare i settori di maggiore cooperazione economica.
La notevole parte di ricerca di contatti e informazioni avvenuta sul territorio è stata agevolata dalla collaborazione di alcune Ong. - Adp-Zid, Hilfe e Intersos – le quali, fornendo dati recenti e affidabili, hanno permesso un notevole arricchimento del lavoro.
Strutturata in due parti principali, la tesi comincia dall’osservazione della prima Jugoslavia e dal suo modello di socialismo autogestito. Nonostante la carica innovativa dello jugoslavismo e del suo socialismo di mercato, questi elementi sono stati alla base di fallimenti, che ancora oggi determinano parte dei ritardi balcanici, nel processo di transizione all’economia di mercato. Incertezze sui diritti di proprietà e sul reinvestimento dei profitti rimangono questioni non pienamente risolte in buona parte della regione. Inoltre, nel tentativo di comprendere da vicino gli ostacoli che si troverebbe ad affrontare l’imprenditore che decidesse di investire in Croazia o in Serbia e Montenegro, si è tentato di individuare le principali difficoltà che ostacolano una maggiore cooperazione. A questo proposito, particolare attenzione è stata rivolta alle problematiche inerenti ai ritardi infrastrutturali, con l’obiettivo di comprendere come un miglioramento dei collegamenti possa portare a un incremento dell’interscambio.
La seconda parte della Tesi è un modesto tentativo di approfondire la conoscenza delle due principali personalità della ex-Jugoslavia. Le due nazioni che da sempre hanno visto contrapposte le proprie visioni a proposito degli Slavi del Sud: Croazia e Serbia e Montenegro.
Nel suo complesso, la tesi si pone l’obiettivo di individuare le priorità su cui agire. In chiave locale, una maggiore cooperazione intra-balcanica e la creazione di un’area di libero scambio, sarebbero un chiaro messaggio della volontà di integrazione nell’Unione Europea. In sede comunitaria, l’allargamento a Est è anche una questione di competitività in cui il Sistema Italia è chiamato a confrontarsi con l’agguerrita concorrenza di nazioni come Austria e Germania. Da solo, il fascino rivestito dalla qualità dei prodotti italiani non è sufficiente. La capacità di fare squadra è l’elemento che consentirà all’Italia di crescere, e di camminare, lungo quel ponte di collegamento fra Europa e Asia, quale sono i Balcani.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE I Balcani hanno fatto parte, come l’Europa occidentale, dell’Impero Romano, subendone le influenze culturali e sociali. È dunque molto probabile che, nell’antichità, le differenza fra l’Illiria 1 e la penisola italica o la Gallia, fossero poco significative. È da questa considerazione che nasce la volontà di approfondire la conoscenza della provincia illirica. La volontà di comprendere da cosa nasca quel senso di lontananza ed estraneità che molti di questi paesi fanno nascere in noi. Una lontananza che non si traduce in una mancanza di interesse, bensì in una difficoltà di fondo nel comprendere le dinamiche e i tempi, di un mondo che vive dall’altro lato dell’Adriatico. Partendo da questo presupposto, l’obiettivo della Tesi è approfondire la conoscenza dei Balcani. Particolare attenzione è dedicata agli aspetti economici, cercando di comprendere quali siano i settori in cui una maggiore cooperazione economica è auspicabile. Tuttavia, l’approfondimento economico non dimentica le considerazioni di natura storica e politica, poiché un’analisi delle prospettive di sviluppo economico nei Balcani, non può mancare di descrivere il contesto politico. Il lavoro di ricerca che ha interessato questa Tesi può essenzialmente essere suddiviso in due parti. La prima, consistita in un lavoro di ricerca bibliografica e attraverso Internet, è stata suddivisa in due sezioni dal lavoro di ricerca effettuato sul campo 2 . Le maggiori difficoltà sono state quelle incontrate in Serbia e Montenegro dove la carenza di dati, una burocrazia non efficiente (alcuni Uffici Pubblici e del Catasto presentano planimetrie e dati statistici aggiornati al periodo Ottomano) e la precarietà politica hanno reso difficile l’individuazione di fonti attendibili. Problema, quest’ultimo, a cui è stato possibile ovviare grazie alla collaborazione di alcune Ong – Adp-Zid, Hilfe e 1 Nome latino della penisola balcanica. 2 Nel corso degli ultimi nove mesi, sono stati tre i viaggi di ricerca volti a raccogliere maggiori dati e conferme, agli studi effettuati. Prima in Montenegro, successivamente in Serbia e in Croazia e, infine, un ulteriore soggiorno, nuovamente in Serbia.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

balcani
croazia
investimenti italiani
jugoslavismo
privatizzazioni
serbia-montenegro
socialismo di mercato
transizione

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi