Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Efficacia interpretativa e previsiva dei modelli di determinazione dei tassi di cambio

La tesi si propone di analizzare l'efficacia dei modelli monetari di determinazione del tasso di cambio. Come riferimento è stato preso il tasso di cambio USD/DM per il periodo 1971-94, utilizzato per un'analisi econometrica attraverso la tecnica O.L.S., l'analisi di cointegrazione e di unit root. E' stata affrontata tutta la problematica di carattere economico-statistico con l'ausilio finale dell'analisi previsiva.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE E RIASSUNTO Il presente lavoro si propone di analizzare le potenzialità di alcuni modelli di determinazione del tasso di cambio, nella loro veste interpretativa e previsiva. I modelli derivano i loro fondamenti dalla teoria economica. La loro validazione empirica quindi offre elementi per valutare l’attendibilità della teoria economica sottostante. Trattandosi di modelli, vi è una naturale tendenza a “semplificare” la realtà, cercando attraverso questi di rappresentarla in modo stilizzato, non permettendo di cogliere le molteplici sfumature che la stessa ha. La variabile dei modelli è il tasso di cambio, un indicatore economico che è stato ed è oggetto di accesi dibattiti, in quanto è considerato “proxy” della forza o la debolezza di uno Stato, è base per gli scambi, è fonte di profitto. Con il trascorrere del tempo il modo di spiegare l’andamento del tasso di cambio si è modificato, dato che le teorie che lo definivano in passato, sono divenute via via meno adatte ad una rappresentazione veritiera della realtà economica in continua evoluzione. Lo studio della determinazione del tasso di cambio è derivato da una maggiore attenzione alla realtà, ma rimanendo però legate ad un’analisi tendenzialmente parziale. Ciò può essere dovuto anche al fatto che è difficile considerare in modo dettagliato tutte le sfaccettature di un singolo oggetto, in questo caso il tasso di cambio, perché si rischia di perdere contatto con i fattori esplicativi fondamentali, ricadendo in particolari non significativi. Negli ultimi anni, diversi studiosi hanno posto l’accento sul fatto che non esiste una necessità oggettiva nel dover studiare la realtà economica all’interno di un modello teorico; ciò che risulta più importante è una verifica dei fatti così come si pongono e quindi definire delle relazioni fra le “variabili economiche” non evidenziate necessariamente, da qualche teoria.

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Grazia Chiofi Contatta »

Composta da 200 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1858 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.