Skip to content

Televisione in rosa

Informazioni tesi

  Autore: Marcella Rizzo
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Scienze della Comunicazione
  Corso: Scienze della Comunicazione
  Relatore: Michele Sorice
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 175

L’idea per questo mio lavoro nasce dalla voglia di trattare un settore di ricerca poco preso in considerazione, infatti, il filo conduttore di tutto il mio lavoro è legato all’universo femminile che ruota intorno alla Televisione italiana; nello specifico, mi sono occupata di analizzare sia le donne che “fanno” la Tv, sia quelle che la guardano. In prima analisi, ho raccontato, per sommi capi, la storia della Televisione italiana attraverso i ruoli che le donne hanno assunto nel corso degli anni, per vedere come e quanto, grazie alle battaglie intraprese per la conquista delle pari opportunità, le donne siano riuscite a conquistare anche in Tv spazi sempre più ampi, tanto da arrivare, ai giorni nostri, al raggiungimento di una quasi totale parità tra i due sessi (come dimostrano le grandi conduttrici che popolano le reti della Tv pubblica e privata).
Ho iniziato dalla televisione delle origini in cui le annunciatrici, subito soprannominate “Signorine buonasera” erano le regine del piccolo schermo. Con la loro semplicità, riuscivano ad entrare nelle case dei pochi fortunati che possedevano un apparecchio televisivo e a suscitare profonda ammirazione. Belle e dalla parlata perfetta si spartivano la scena con le vallette, mute all’inizio ed estremamente timide, croce e delizia di tutti i presentatori.
Dal secondo capitolo in poi, si entra nel vivo della ricerca. Si parte da un’analisi dei Telegiornali Rai e Mediaset, delle edizioni del mezzogiorno, nell’arco di una settimana di programmazione, per poterne rilevare la presenza femminile, differenziandola, inoltre, per ruoli ed aree tematiche di cui le donne si occupano.
L’analisi presente nel terzo capitolo, “Donne e pubblicità”, mira, invece, a rilevare la rappresentazione delle donne negli spot pubblicitari che popolano la nostra Televisione. A questo scopo sono state selezionate 25 pubblicità, scelte tra quelle mandate in onda prima e dopo i Telegiornali analizzati nel secondo capitolo. In entrambe le ricerche, i dati ottenuti sono stati correlati da grafici e tabelle.
Nel quarto capitolo, “Uno sguardo al pubblico”, la mia attenzione si è spostata dalle donne che fanno la Tv a quelle che la guardano: le telespettatrici. Adottando questo altro punto di vista si è voluto sondare la percezione che le donne hanno della Tv dei giorni nostri e fare dei confronti tra le varie generazioni prese in esame. Per indagare i pareri ed i gusti del pubblico è stato utilizzato, come strumento di ricerca, un questionario semi-strutturato, con domande aperte e chiuse, riguardanti il gradimento dell’attuale panorama televisivo, i generi e le reti di maggior fruizione, oltre che le ore trascorse in compagnia della Televisione. Il questionario è stato somministrato ad un campione proporzionalmente rappresentativo della popolazione femminile; per questo ho fatto riferimento ai dati Istat relativi al più recente censimento della popolazione italiana, che risale al 2001. Il campione è stato suddiviso in cinque fasce d’età. I dati sono stati, in seguito, schematizzanti in vari grafici e messi a confronto per delineare un quadro in cui si percepissero le differenze tra le varie generazioni.
Per scendere più nello specifico, e dar voce alle protagoniste della Tv italiana, il quinto capitolo è stato dedicato all’“Analisi di una trasmissione televisiva”, effettuando il lavoro sul campo, per indagare da vicino le dinamiche di una trasmissione condotta e diretta da una donna, “La prova del cuoco”, programma del daytime di Rai1, condotto da Antonella Clerici e diretto da Simonetta Tavanti. Il materiale utilizzato è stato fornito direttamente da un responsabile di redazione.
La panoramica sull’universo femminile, termina nel sesto capitolo “Con la partecipazione straordinaria di…”, in cui, attraverso un’intervista aperta, sono state raccolte opinioni, pensieri e considerazioni di alcune tra le figure femminili più rappresentative dell’attuale panorama televisivo, per scoprire dalla voce delle protagoniste, qualcosa in più sul patinato mondo della Televisione italiana.
Questa ricerca mira, in definitiva, ad aggiungere un seppur piccolo tassello al variopinto puzzle delle indagini sul mondo televisivo.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
9 Introduzione “Come sono raccontate le donne in televisione? Quali sono le rappresentazioni del genere femminile che quotidianamente visitano le nostre case, creano mondi paralleli, popolano di immagini le conversazioni, entrano persino nei ricordi?”. Sono questi i quesiti che mi hanno ispirato alla realizzazione di questo mio lavoro. L’idea è affiorata alla mia mente in un caldo pomeriggio primaverile… Amando profondamente il mondo televisivo ed essendo affascinata da tutte le dinamiche che lo compongono, cercavo un’idea per trattare un settore di ricerca poco preso in considerazione. Infatti, abbandonandomi alla lettura di numerosi libri sulla Televisione, mi sono resa conto che pochi, finora, si sono preoccupati di esplorare ed analizzare l’universo femminile presente nella Televisione italiana. Ho voluto impostare il mio lavoro partendo dalla descrizione dei ruoli che le donne hanno avuto all’interno della cosiddetta “scatola magica” nel corso degli anni. Era il 3 gennaio del 1954 quando la Rai, iniziò la sua programmazione: il volto che diede il primo annuncio televisivo fu quello di Fulvia Colombo, la prima “Signorina buonasera”. L’altro ruolo che le donne avevano nella Tv di quegli anni era quello di valletta, il cui filone fu inaugurato da Edy Compagnoli. Perché le donne in Tv abbiano la possibilità di parlare, non soltanto attenendosi ad un rigido copione (come nel caso delle annunciatrici), bisogna aspettare gli anni sessanta quando Paola Penni a “La fiera dei sogni” interloquisce con Mike Bongiorno, canta e balla. Nel corso degli anni, grazie alle battaglie delle donne per la conquista delle pari opportunità, le donne sono riuscite a

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

analisi tg
analisi trasmissione televisiva
antonella clerici
conduttrici
donne
donne e tv
donne in tv
il pubblico della televisione
interviste conduttrici
la prova del cuoco
le donne nella televisione italiana
pubblicità
raffaella carrà
ruoli delle donne nella tv
signorine buonasera
storia della televisione
telegiornale
televisione

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi