Skip to content

Il federalismo fiscale: fondamenti teorici ed esperienze istituzionali

Informazioni tesi

  Autore: Maria Grazia Petrone
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2003-04
  Università: Università degli Studi di Bari
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e commercio
  Relatore: Vito Peragine
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 69

La tesi si compone di due parti, la prima tratta delle ragioni economiche del decentramento illustrando i principali contributi in materia (quale il teorema di Oates, il modello del voto con i piedi di Tiebout) e dei suggerimenti provenienti dalla teoria economica in materia di modalita' di finanziamento degli enti decentrati, con particolare riferimento ai trasferimenti.

Nella seconda parte della tesi viene analizzata l'esperienza istituzionale italiana alla luce della riforma del titolo v della costituzione e delle regole del federalismo fiscale e della perequazione dettate dal d. lgs. 56/2000.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 1. INTRODUZIONE Il nostro paese sembra essere privo di una radicata tradizione di autonomia regionale. Nella storia preunitaria si sono, infatti, alternati periodi in cui prevalevano poteri municipali e altri dominati dalla presenza di effimeri stati subnazionali. E anche dopo l’unificazione si è affermata un’organizzazione dello Stato che allora fu definita “centralista” e che non prevedeva alcuna forma di autonomia regionale. Molte e diverse furono le ragioni che portarono all’adozione di un tale assetto per lo Stato appena costituito. Forse il timore che forze locali autonomiste potessero vanificare gli sforzi politici e militari fatti, ma anche il generale senso d’instabilità tipico degli Stati appena nati e la suggestione dell’esempio francese napoleonico contribuirono a generare la convinzione che solo il mantenimento dell’impianto centralizzato piemontese avrebbe potuto garantire la coesione e la sopravvivenza stessa del nuovo Stato. Vennero, così, respinte le proposte, che pur non mancarono, di creare accanto a Comuni e Province, le Regioni, quali nuovi grandi enti locali, dotati di una limitata autonomia amministrativa. La soluzione “centralista” fu, ovviamente, confermata dal regime fascista, caratterizzato da un estremo accentramento di ogni potere intorno alla figura del duce e da uno Stato legittimato a interpretare e disciplinare tutti gli interessi individuali e collettivi. La situazione muta radicalmente solo con la Costituzione del 1948, nella quale si prevedeva accanto agli enti locali tradizionali l’istituzione delle Regioni. Con il primo articolo del Titolo V denominato “Le Regioni, le Province, i Comuni” della Parte Seconda della Costituzione (l’art.114 Cost.) l’Assemblea Costituente stabilendo che “la Repubblica si riparte in Regioni, Province e Comuni” 1 ha individuato questi enti come articolazioni necessarie del complessivo ordinamento repubblicano, e con l’art.115 Cost. nel quale è stabilito che “le Regioni sono costituite in enti autonomi con propri poteri e funzioni secondo i principi fissati nella Costituzione” 2 ha apportato un’ulteriore innovazione: i poteri e le funzioni attribuiti 1 Articolo sostituito dalla L.Cost. 18-10-2001, n.3, Modifiche al Titolo V della Parte Seconda della Costituzione(art.1) 2 Articolo abrogato dalla L.Cost. 18-10-2001, n.3, Modifiche al Titolo V della Parte Seconda della Costituzione(art.1)

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

accentramento
d.lgs. 56/200
decentramento
enti locali
federalismo fiscale
fondo perequativo nazionali
legge delega 133/99
perequazione
rappoto stato regioni
riforma titolo v cost
riparto risorse
trasferimenti erariali

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi