Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Vecchiaia e malattia

Si è posto come punto di riferimento della tesi l'associazione puramente arbitraria, il pregiudizio, che lega in un rapporto di carattere biunivoco la vecchiaia e la malattia. Da sempre si ritiene che il vecchio debba essere malato solamente a causa del suo stato di anzianità, del trovarsi,
insomma, in quella fase dell'esistenza umana che è considerata a chiusura dell'arco della vita di un individuo. Terenzio diceva ''senectus ipsa morbus est''. Questa concezione perdura ormai da secoli, nel corso dei quali le diverse culture e società hanno quasi sempre relegato il vecchio in posizioni subalterne. L'eccezione era rappresentata da quelle culture che, per scarsità di conoscenze mediche che spiegassero
l'invecchiamento, o per oggettiva riverenza nei confronti della persona anziana, portavano invece grande rispetto per quella persona che, distinguendosi dal resto della comunità, raggiungeva un'età avanzata incutendo inevitabilmente timore sui suoi contemporanei.
Ciò che è sempre sfuggito all'uomo nella sua formulazione dell'idea di vecchio è la particolare predisposizione alle malattie, per una diffusa debolezza che sopraggiunge più o meno intensamente con l'età; nell'individuo anziano si riduce il margine di sicurezza che preserva l'uomo in ogni fase della vita dai cambiamenti, interni ed esterni, che determinano l'insorgere di una o più patologie. Oggi il progressivo miglioramento della qualità della vita, attraverso le continue acquisizioni in campo medico e scientifico, ha determinato un diffuso aumento della popolazione, e soprattutto di quella anziana. Ma non necessariamente l'anziano è malato. Le statistiche dicono che è in progressivo aumento il numero degli anziani sani; risulta evidente come il pregiudizio anziani=malati non abbia più ragione di esistere. Non ha senso continuare come in passato, considerare l'anziano incapace di assolvere compiti utili per la comunità.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 ALCUNE PREMESSE PER ILLUSTRARE IL RAPPORTO VECCHIAIA-MALATTIA:

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Alessandro Lasagni Contatta »

Composta da 162 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 11251 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 18 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.