Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L’evoluzione della giurisprudenza della Corte di Cassazione sulla imputabilità a partire dalla sentenza delle Sezioni Unite 9163/05

La Suprema Corte, con tal enunciato, ha posto fine ad un tortuoso percorso ermeneutico che ha visto coinvolti, ad un tempo, il Legislatore, la giurisprudenza e la scienza psichiatrica in un dibattito che ha radici antiche e che abbraccia i concetti di capacità di intendere e di volere del soggetto agente, di imputabilità, di colpevolezza, di infermità mentale.

In particolare, la formulazione di un giudizio sull’imputabilità di un soggetto non è mai stata particolarmente agevole, poiché il giurista è da sempre chiamato a conciliare esigenze importanti, come la necessità di conoscere e comprendere le molteplici teorie di matrice anche psichiatrica relative alla disciplina dettata in tema di imputabilità, oltre all’esigenza di evitare una strumentalizzazione dell’istituto a favore di rei, in realtà capaci di intendere e volere.

La presente dissertazione si propone dunque di studiare il concetto di imputabilità partendo da un breve esame del sistema penale italiano, con riferimento in particolare alle cause di esclusione o di diminuzione della capacità di intendere e volere rappresentate dal vizio totale e dal vizio parziale di mente (artt. 88 e 89 c.p.).

Successivamente, alla luce delle più moderne acquisizioni delle scienze mediche, si affronterà il problema della definizione di “infermità”, sulla base dei principali modelli interpretativi accolti dalla dottrina.

Solo in seconda battuta sarà possibile analizzare i diversi orientamenti giurisprudenziali, allo scopo di stabilire quale sia l’indirizzo prevalente per quanto riguarda la valenza dei disturbi della personalità ai fini della valutazione dell’imputabilità del soggetto.

L’ultima parte dell’elaborato è invece dedicata interamente allo studio della sentenza della Corte di Cassazione n. 9163/2005, in base alla quale, appunto, ai fini del riconoscimento del vizio totale o parziale di mente, rientrano nel concetto di infermità anche i gravi disturbi della personalità.

Mostra/Nascondi contenuto.
I PREMESSA 1. CONTENUTO DELLA TRATTAZIONE Ai fini del riconoscimento del vizio totale o parziale di mente, rientrano nel concetto di infermità anche i gravi disturbi della personalità, a condizione che il giudice ne accerti la gravità e l’intensità, tali da escludere o scemare grandemente la capacità di intendere o di volere, e il nesso eziologico con la specifica azione criminosa. Corte di Cassazione, Sentenza n. 9163/2005 La Suprema Corte, con tal enunciato, ha posto fine ad un tortuoso percorso ermeneutico che ha visto coinvolti, ad un tempo, il Legislatore, la giurisprudenza e la scienza psichiatrica in un dibattito che ha radici antiche e che abbraccia i concetti di capacità di intendere e di volere del soggetto agente, di imputabilità, di colpevolezza, di infermità mentale. In particolare, la formulazione di un giudizio sull’imputabilità di un soggetto non è mai stata particolarmente agevole, poiché il giurista è da sempre chiamato a conciliare esigenze importanti, come la necessità di conoscere e comprendere le molteplici teorie di matrice anche psichiatrica relative alla disciplina dettata in tema di imputabilità, oltre all’esigenza di evitare una strumentalizzazione dell’istituto a favore di rei, in realtà capaci di intendere e volere.

Laurea liv.I

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Roberto Melchiorre Contatta »

Composta da 45 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2861 click dal 11/09/2007.

 

Consultata integralmente 12 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.