Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Conti Economici Parziali per il controllo di gestione: una prospettiva di Business Intelligence per un'azienda alimentare

La tesi illustra un Progetto di Controllo di Gestione finalizzato alla strutturazione di un sistema di creazione, gestione e controllo di Conti Economici Parziali idonei a disaggregare il risultato economico-finanziario complessivo dell’azienda in modo strategicamente (competitivamente) significativo. Il modello di base, pur non trascurando le considerazioni in merito ai metodi Full Costing e ABC, è maggiormente ispirato alla metodologia dei Costi Variabili e Specifici ed è stato concretizzato attraverso un approccio di Business Intelligence, a partire dall’implementazione di un processo di Data Warehousing. Gli scopi ultimi sono quelli di evidenziare dove nasce la marginalità aziendale e divenire strumento per orientare le azioni e le decisioni verso gli obiettivi dei vari responsabili aziendali, costituendo anche un punto di riferimento per la valutazione del loro operato. Sono state altresì tenute in conto le implicazioni organizzative del nuovo modello di controllo.
Sebbene il focus del lavoro sia principalmente l’illustrazione di un caso aziendale specifico, riteniamo sia lecito dedurre dalle complessive argomentazioni sviluppate, linee guida per progetti di revisione del modello di controllo in aziende, non solo alimentari, con spiccata vocazione alla valorizzazione dei propri marchi commerciali che hanno come interlocutori principali gli attori della Grande Distribuzione Organizzata e che operano in mercati altamente competitivi.

Mostra/Nascondi contenuto.
                  1 PREMESSA La presente relazione ha lo scopo di illustrare un progetto sviluppato presso la società MONARI FEDERZONI SPA, azienda storica del tessuto economico modenese, specializzata nella produzione e nella commercializzazione di Aceto Balsamico di Modena. L’obiettivo del progetto è stato quello della strutturazione di un sistema di creazione, gestione e controllo di Conti Economici Parziali, di ausilio alle procedure di controllo di gestione, che potesse rispondere alle nuove, e maggiormente articolate, necessità di monitoraggio delle performance aziendali. Il fabbisogno informativo a cui si è cercato di dare risposta è il compendio di numerose esigenze, che saranno tratteggiate nell’ambito dello sviluppo della relazione, la risposta alle quali può essere ricondotta al conseguimento di due macro-obiettivi alla base dell’intero progetto: a) indagare dove nasce la marginalità aziendale cioè, in altri termini, come può essere disaggregato in maniera strategicamente significativa il risultato economico-finanziario complessivo. b) possedere uno strumento per orientare le azioni e le decisioni verso gli obiettivi, strategici e tattici, assegnati ai vari responsabili aziendali. Il percorso di lavoro ha tenuto a riferimento, da un lato, gli orientamenti degli studi dottrinali in materia di gestione aziendale e controllo di gestione e, dall’altro, gli strumenti e le soluzioni messi a disposizione delle aziende dal progresso della tecnologia dell’informazione. La sinergia tra questi domini conduce a delineare metodologie e scenari di controllo di gestione non immaginabili nel passato, anche solo recente, del mondo aziendale, tanto meno in relazione alle realtà medie e piccole. L’impatto del progresso tecnologico impone inoltre la rivisitazione degli schemi interpretativi degli attori aziendali in ordine agli strumenti, ai processi, agli obiettivi e, in generale, alla stessa organizzazione dell’azienda, in un contesto in cui le variabili rilevanti da gestire diventano più numerose e articolate e nel quale crescono i rischi e le opportunità ad esse connesse. Noi riteniamo, come peraltro è opinione prevalente, che la “leva tecnologica”, ed in particolare la tecnologia dell’informazione, debba essere contestualizzata in un approccio all’organizzazione intesa come sistema socio-tecnico, all’interno del quale è una conditio sine qua non, un fattore abilitante imprescindibile, per il successo che esprime però il suo potenziale solo in quanto coerentemente inserita nell’organizzazione

Tesi di Master

Autore: Fabrizio Baraldi Contatta »

Composta da 117 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1660 click dal 05/10/2007.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.