Skip to content

La partecipazione dell'Unione Europea al Protocollo di Kyoto

Informazioni tesi

  Autore: Andrea Rodo
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi Roma Tre
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Paolo Benvenuti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 282

Il presente lavoro offre una panoramica dei contenuti del Protocollo di Kyoto e di come questi sono stati recepiti dall'ordinamento europeo ed italiano. Offre spunti critici di riflessione sulla reale capacità del Protocollo di Kyoto, quale strumento normativo di tutela dell'ambiente, e sulle scelte effettuate dal legislatore europeo ed italiano.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
LA PARTECIPAZIONE DELL’UNIONE EUROPEA AL PROTOCOLLO DI KYOTO L’INTERRELAZIONE DEI LIVELLI INTERNAZIONALE E COMUNITARIO NELLA TUTELA DELL’AMBIENTE 3 Negli ultimi trent'anni, a fronte del degrado dello stato di salute del pianeta, del crescente inquinamento e dei sempre più frequenti disastri ecologici, la protezione dell'ambiente è divenuta un'esigenza sempre più sentita dalla comunità internazionale, la quale ha progressivamente riconosciuto il valore dell'ambiente naturale, preoccupandosi di stabilire linee programmatiche da seguire per garantirne la salvaguardia ed arginarne il deterioramento. Come ricorda Giorgio Nebbia 1 , nei primi anni Settanta, a dimostrazione del crescente interesse verso i problemi ambientali, apparvero alcuni libri "rivoluzionari": “Il cerchio da chiudere”, in cui il biologo americano Barry Commoner denunciava gli effetti negativi sull'ambiente causati da una tecnologia orientata soltanto al profitto e responsabile della "rottura" dei grandi cicli biologici naturali con l'immissione di sostanze non assimilabili e decomponibili dalla natura; “Una sola Terra”, nel quale la sociologa inglese Barbara Ward affermava la necessità di amministrare la Terra, unica nostra casa nello spazio, con gli stessi criteri con cui vivono gli astronauti in una capsula spaziale; “Limits to Growth” (tradotto in italiano come I limiti dello sviluppo), uno dei libri più scandalosi e in parte poco condivisibili, nel quale, sulla base dei dati emersi da una ricerca condotta dagli studiosi del Massacchusetts Institute of Technology su quello che sarebbe potuto accadere alla Terra se fossero continuate le tendenze di produzione, consumi e inquinamenti che avevano caratterizzato gli anni cinquanta e sessanta del secolo scorso, Forrester e i coniugi Meadows descrivevano le possibili tendenze di aumento della popolazione terrestre, dei consumi di energia cibo e acqua, e i possibili conflitti che sarebbero sorti nella popolazione umana se i suoi "numeri" fossero aumentati al di là dei valori critici. Davanti ai danni causati dall'inquinamento, fenomeno che non conosce confini geografici, la legislazione nazionale adottata nei vari Paesi e la protezione riconosciuta all'ambiente anche a livello costituzionale si è dimostrata ben presto insufficiente e l'equilibrio dell'ecosistema è divenuto oggetto di preoccupazione 1 NEBBIA GIORGIO, Rio + 10, Terza Conferenza ONU sull'ambiente. Un bilancio a trent’anni da Stoccolma, in CNS – Rivista di Ecologia Politica, gennaio 2002, pag. 9 ss.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

ambientale
ambiente
aria
cambiamenti climatici
clean development mechanism
clima
direttiva linking
diritti di emissione
emission trading
emissioni
inquinamento
joint implementation
kyoto
riduzione inquinamento
tutela ambiente
unfccc

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi