Skip to content

Formazione e Informazione per la sicurezza dei dipendenti nelle Piccole Aziende informatiche: il caso della AVEBIT srl

Informazioni tesi

  Autore: Romano Bergami
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Scienze della Comunicazione
  Corso: Scienze della Comunicazione
  Relatore: Ivetta Ivaldi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 250

Attraverso analisi, osservazioni dei processi dell’attività lavorativa, incontri informali e formali col personale di una delle tante piccole aziende che fanno l’ossatura dell’economia italiana, ho cercato di promuovere l’assunto fondamentale del D.Lgs. 626/94 che vede nel lavoratore un protagonista attivo all’interno di qualsiasi sistema di prevenzione organizzato e gestito in azienda e che contribuisce a sviluppare, attraverso l'informazione e la formazione, la coscienza culturale atta a ridurre il fenomeno infortunistico e il determinarsi di malattie professionali.
Dopo aver introdotto il mio studio con un excursus storico sulle norme che, dalla fine dell’ottocento a oggi, si sono preoccupate di tutelare la salute del lavoratore in Italia e all’interno dell’UE, nella prima parte prendo in considerazione le leggi, i concetti ergonomici e i possibili metodi formativi utilizzabili per promuovere la cultura della sicurezza tra i lavoratori:
Innanzitutto pongo l’accento sul Decreto Legislativo 626/94, vera e propria svolta nel mondo della sicurezza, in quanto porta a considerare la prevenzione degli infortuni e la difesa della salute non più come “costo sociale” bensì come “bene sociale”.
Successivamente, basandomi sul concetto di “centralità dell’uomo”, considero l’ergonomia nel suo rapporto con l’organizzazione del lavoro, l’ambiente di lavoro e la sicurezza. Faccio riferimento ai principi di Norman, al concetto di usabilità, analizzo le nozioni di pericolo e di rischio e i modi che possono contribuire a diminuirne gli impatti negativi.
Completo la prima parte dell’elaborato con una sezione intitolata “comunicare la sicurezza”, nella quale riporto i metodi formativi che possono essere utilizzati dalle aziende per divulgare una cultura prevenzionistica tra i lavoratori. Dapprima esamino i metodi della didattica in presenza sottolineandone gli aspetti che la rendono “immortale”, poi i metodi della didattica a distanza mettendone in risalto la forte spinta innovativa data dalla possibilità di creare un proprio percorso formativo senza sottostare ad obblighi spazio-temporali. In seguito analizzo il "blended learning", nato con l’obiettivo di fondere gli aspetti positivi sia delle metodiche in presenza che di quelle a distanza, oltre che dedicare ampio spazio alla metodologia della formazione-intervento che, grazie al suo approccio ergonomico basato sul continuo confronto tra parti di una stessa “famiglia” organizzativa, cerca di passare da una situazione di “decisione strategica” a una di “condivisione strategica”, scavalcando quelle differenze che potrebbero accentuarsi tra le diverse posizioni professionali, culturali e politiche.
“Messi in cantiere” leggi, concetti ergonomici e metodi formativi, nella seconda parte della tesi mi concentro sullo studio di un caso concreto, per questo, dopo aver presentato in modo generale il mondo della piccola impresa, aver approfondito le diverse tipologie di attività svolte dalle PMI operanti nell’Information Technology e il modo di gestire la comunicazione e la sicurezza da parte delle stesse, attraverso un viaggio conoscitivo in chiave ergonomica, propongo un mio "inizio d'intervento" prendendo in considerazione la AVEBIT srl un’azienda che, grazie alle sue caratteristiche, reputo indicativa delle imprese informatiche. Dapprima ne analizzo la documentazione in tema di sicurezza, osservo le attività svolte dai tecnici e compio un’analisi ergonomica degli uffici nei quali ha sede la società. In seguito riporto quanto emerso dall’intervista con il datore di lavoro e la responsabile amministrativa oltre che dall’incontro di consultazione con il personale, in cui sono venute a galla problematiche, differenze di vedute e proposte che potrebbero contribuire al miglioramento sia del processo formativo - attraverso una fusione di metodiche - che delle condizioni ergonomiche lavorative nei rapporti con le imprese committenti - attraverso la creazione di un documento di integrazione al Documento di Valutazione dei Rischi -.
Ritengo importante sottolineare quanto l’aver vissuto una tale esperienza mi abbia permesso di applicare quanto nel corso degli anni avevo recepito solo su piani teorici contribuendo, in questo modo, ad una mia crescita culturale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE Legislazione europea in materia di sicurezza sul lavoro Evoluzione storica della politica sociale nell’ Unione Europea “La tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro ha oggi in tutti gli Stati europei una centralità che è stata positivamente influenzata, nel corso degli anni, dall'affermarsi di una legislazione comunitaria specifica, di carattere generale e di carattere tecnico, la quale ha avuto un positivo ruolo di promozione e di impulso nei confronti dei sistemi nazionali. A ciò va aggiunto un grado di maggiore maturazione in tutti gli Stati per l'adozione di modalità di recepimento delle direttive comunitarie capaci di portare ad un sistema giuridico sostanzialmente omogeneo” 1 . La Comunità, ora Unione Europea, è nata con l’ obiettivo di instaurare un mercato comune e di superare quelle differenze giuridiche che potessero contrastarlo. Sin dalla sua origine ha dato, o comunque ha cercato di dare, attenzione alla dimensione 1 Si veda anche Ombuen G. Introduzione al D.Lgs 626/94, iims, 2004, pp. 10-20, in quanto utile riferimento per il capitolo introduttivo.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi