Skip to content

Sentieri locali di sviluppo e polices. Il caso dei PIT

Informazioni tesi

  Autore: Loredana Romagnano
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Salerno
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze Politiche
  Relatore: Maria Rosaria Garofalo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 172

Il presente lavoro di tesi vuole essere “un cammino” attraverso un preciso “sentiero di sviluppo”: quello dei PIT.
Nell’ambito della recente esperienza europea, le politiche a sostegno delle aree in ritardo di sviluppo hanno individuato il loro principale protagonista nelle istituzioni intermedie.
Il Programma di sviluppo del Mezzogiorno e il successivo Quadro comunitario di sostegno 2000-2006 hanno insistito in particolar modo sulla necessità di concentrare gli interventi a sostegno dello sviluppo attraverso l’attuazione di Progetti Integrati Territoriali.
Le politiche di coesione dell’Unione Europea si dispiegano in un contesto di governance multilivello e funzionano come un mercato, in cui gli agenti concorrono per ottenere fondi e cooperano per scambiarsi risorse, progetti, tempo, idee e persone.
La Delibera CIPE del 14 maggio 1999 definisce il Progetto Integrato Territoriale come un insieme di «azioni intersettoriali, strettamente coerenti e collegate tra di loro, che convergono verso il conseguimento di un comune obiettivo di sviluppo del territorio » .
Il Progetto Integrato Territoriale persegue dunque – appunto attraverso un approccio integrato – un obiettivo generale di crescita riferito ad uno specifico ambito territoriale, coerente con la programmazione nazionale e regionale.
Il presente cammino verso l'illustrazione di tale strumento di sviluppo, è articolato in quattro capitoli.
Il primo capitolo vuole essere la chiave introduttiva sull'evolversi delle teorie e delle politiche di sviluppo dell'economia italiana, mettendo in evidenza il cambiamento del ruolo dello Stato nell'economia e descrivendo quello che lo stesso Barca definisce: un paradigma e un cantiere aperto, nel quale il problema fondamentale dell'attuazione di questa nuova politica sta nel “produrre le necessarie conoscenze”, cioè nel convincere i soggetti che le detengono a rivelarle gli uni agli altri, a metterle in comune, a passare da conoscenze private individuali ad un progetto.
Il secondo capitolo è una chiara e precisa illustrazione sulla Progettazione Integrata Territoriale, inquadrandola nella nuova programmazione per lo sviluppo del Mezzogiorno.
Vengono tracciati quelli che sono gli elementi di discontinuità tra Patto e PIT e vengono descritti i servizi RAP per l'assistenza e l'avvio della Programmazione Territoriale.
Inoltre, vengono precisati le fasi per la formazione del progetto, dalla sua ideazione alla sua identificazione, dalla sua preparazione al suo finanziamento, per arrivare alla sua realizzazione e gestione.
Il terzo capitolo vuole invece essere una ricerca di quindici casi di Progetti Integrati Territoriali nelle regioni dell’Obiettivo 1, Alto Basento e Metapontino per la regione Basilicata, Locride e Serre Calabresi per la regione Calabria, Campi Flegrei, Certosa di Padula, Città di Caserta e Pietralcina per la regione Campania, area metropolitana di Bari, territorio salentino Leccese per la regione Puglia, Consorzio 21 di Cagliari e Barigadu-Ghilarzese-Grighine-Marmilla per la regione Sardegna, e Nebrodi, Palermo e Valle del Torto e dei Feudi per la regione Sicilia.
Gli studi di caso sono stati condotti utilizzando una struttura comune, con un’articolazione in quattro parti: contesto, processo istituzionale del PIT, caratteristiche del Progetto ed attuazione, valutazioni di sintesi.
Il quarto ed ultimo capitolo vuole, invece, essere un esempio concreto di Progetto Integrato Territoriale, quello del Pit Alto Basento, già indicato nel precedente capitolo, ma qui meglio analizzato sotto il suo profilo strutturale. La scelta di tale Pit non è lasciata al caso, ma accuratamente valutata da una personale analisi del mio territorio di origine: la Basilicata.
Ho ritenuto, infatti, molto interessante la forte motivazione alla valorizzazione delle risorse naturali, culturali e produttive locali che il PIT Alto Basento ha identificato nella sua “Idea-Forza”.
Con la scelta della sua idea-strategica d'importazione nell'area della Grancia dell'esperienza francese del Parco “Puy du Fou”, si è dato vita ad un Parco tematico articolato nel “Cinespettacolo della Grancia”.
In un'atmosfera spettacolare vengono ripercorse le vicende umane e storiche di una comunità, attraverso la storia del personaggio chiave: Carmine Crocco, simbolo del brigantaggio lucano.
Le conclusioni alle quali si perviene lungo questa analisi di uno specifico “sentiero di sviluppo”, quello dei PIT, inducono ad un'ulteriore riflessione sulla necessità di mettere a sistema tutte le energie di un territorio per accompagnare un qualsiasi processo di sviluppo, e quando quest'ultimo si configura come fenomeno turistico (l'esempio del parco della Grancia), la condivisione e la collaborazione del percorso è l'unica strada per il successo.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione Il presente lavoro di tesi vuole essere “un cammino” attraverso un preciso “sentiero di sviluppo”: quello dei PIT. Nell’ambito della recente esperienza europea, le politiche a sostegno delle aree in ritardo di sviluppo hanno individuato il loro principale protagonista nelle istituzioni intermedie. Il Programma di sviluppo del Mezzogiorno e il successivo Quadro comunitario di sostegno 2000-2006 hanno insistito in particolar modo sulla necessità di concentrare gli interventi a sostegno dello sviluppo attraverso l’attuazione di Progetti Integrati Territoriali. Le politiche di coesione dell’Unione Europea si dispiegano in un contesto di governance multilivello e funzionano come un mercato, in cui gli agenti concorrono per ottenere fondi e cooperano per scambiarsi risorse, progetti, tempo, idee e persone. La Delibera CIPE del 14 maggio 1999 definisce il Progetto Integrato Territoriale come un insieme di «azioni intersettoriali, strettamente coerenti e collegate tra di loro, che convergono verso il conseguimento di un comune obiettivo di sviluppo del territorio » . Il Progetto Integrato Territoriale persegue dunque – appunto attraverso un approccio integrato – un obiettivo generale di crescita riferito ad uno specifico ambito territoriale, coerente con la programmazione nazionale e regionale. Il presente cammino verso l'illustrazione di tale strumento di sviluppo, è articolato in quattro capitoli. Il primo capitolo vuole essere la chiave introduttiva sull'evolversi delle teorie e delle politiche di sviluppo dell'economia italiana, mettendo in evidenza il cambiamento del ruolo dello Stato nell'economia e descrivendo quello che lo stesso Barca definisce: un paradigma e un cantiere aperto, nel quale il problema fondamentale dell'attuazione di questa nuova politica sta nel “produrre le necessarie conoscenze”, cioè nel convincere i soggetti che le detengono a

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

azioni intersettoriali
cinespettacolo grancia
delibere cipe
governance multilivello
idea-forza
obbiettivo comune di sviluppo
patto e pit
pit
pit alto basento
progetti integrati territoriali
programma di sviluppo del mezzogiorno
programmazione territorialeil
regione obbiettivo 1
sentiero di sviluppo

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi