Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Effetto della somministrazione di caffeina sui recettori A2A dell'adenosina in neutrofili umani

La caffeina è il farmaco più utilizzato dall’uomo in tutto il mondo: l’80-90% degli adulti consuma regolarmente bevande e cibi che contengono caffeina, come caffé, tè, cioccolato. Inoltre la caffeina è presente come eccipiente in molti farmaci.
La caffeina può esercitare molteplici funzioni sia a livello del sistema nervoso centrale che periferico. I maggiori effetti farmacologici di questa xantina sono nell’antagonismo dei recettori adenosinici A1, A2A, A2B e A3. L’adenosina, interagendo con specifici recettori posti sulla membrana dei neutrofili, è stata riconosciuta come un agente endogeno antinfiammatorio grazie alla sua capacità di inibire la produzione di anione superossido e l’adesione cellulare.
Lo scopo della presente tesi è di valutare l’effetto della caffeina a diverse dosi sui recettori A2A dell’adenosina in neutrofili umani.
I neutrofili sono stati studiati prima della somministrazione di caffeina (giorno 0), e dopo 1, 12, 24, 36, 48 e 60 ore dopo la somministrazione dell’ultima dose.

Mostra/Nascondi contenuto.
ADENOSINA L’adenosina è un importante modulatore nel sistema nervoso centrale, in quello periferico e in numerosi altri tessuti ed esplica i suoi effetti fisiologici interagendo con specifici recettori di membrana. L’adenosina è un nucleoside ubiquitario ed endogeno, costituito da un anello purinico sostituito in N 6 da un gruppo amminico primario ed in N 9 da un anello D- ribosidico per mezzo di un legame β-glicosidico (Fig. 1). I primi a descrivere il ruolo dell’adenosina come messaggero extracellulare e i suoi effetti sui processi fisiologici furono Drury e Szent-Gyorgyi all’inizio del ‘900, quando descrissero le potenti azioni vasodilatanti esercitate da questo nucleoside. Il gran numero di studi sperimentali che seguirono a queste prime osservazioni hanno dimostrato le attività svolte dall’adenosina nell’omeostasi del sistema nervoso centrale e periferico, cardiovascolare, renale, respiratorio ed immunitario. L’adenosina ha proprietà molto simili a quelle di un neurotrasmettitore; infatti svolge la sua attività legandosi a recettori specifici, il suo metabolismo avviene nelle zone sinaptiche grazie ad enzimi specifici e la sua azione può essere bloccata da antagonisti selettivi, con il re-uptake e con il successivo catabolismo nel citoplasma. Comunque, l’adenosina viene definita neuromodulatore e non neurotrasmettitore in quanto non si hanno evidenze che questa venga immagazzinata o rilasciata da specifici nervi purinergici. L’adenosina si trova a livello citoplasmatico sottoforma di AMP, ADP e ATP e viene sintetizzata in condizioni fisiologiche a livello intracellulare ed extracellulare. A livello intracellulare l’adenosina è sintetizzata attraverso diverse vie metaboliche, come la defosforilazione del 5’ AMP derivato dall’ATP e catalizzata dalla 5’ nucleotidasi. Può anche essere sintetizzata a partire da S-adenosilmetionina (SAM) attraverso la formazione di S-adenosilomocisteina (SAH) che diventa adenosina grazie all’intervento di una specifica idrolasi. Una terza via catabolica è rappresentata dalla condensazione dell’adenina con ribosio 1-fosfato, tipica reazione catalizzata da una fosforilasi. 4

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Francesca Canella Contatta »

Composta da 92 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6390 click dal 26/09/2007.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.