Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La gestione della politeness in chat: un'analisi conversazionale

La tesi è relativa alla gestione della politeness in chat, ovvero la cortesia lingustica. Nelle tre parti del lavoro si analizzano in successione la comunicazione mediata dal computer, alcuni aspetti teorici relativi ai modelli conversazionali legati alla cortesia linguistica, e nell'ultima parte viene analizzato un corpus formato da 50 conversazioni on-line, all'interno delle quali si sono analizzati gli elementi linguistici più frequenti e la presenza o meno della cortesia linguistica.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 LA GESTIONE DELLA POLITENESS IN CHAT: UN’ANALISI CONVERSAZIONALE INTRODUZIONE A partire dagli ultimi decenni del 1900 c’è stato un profondo mutamento della comunicazione, e le tecnologie dell’informatica ne sono sicuramente un elemento propulsore. E’ dato ormai diffuso nella coscienza comune che il Pc e Internet permettono già da tempo a un numero considerevole di persone, di comunicare con il mondo esterno mediante messaggi di posta elettronica e programmi per la videoconferenza. Questa diffusione dei sistemi informatici, data la loro importanza, è stata ed è tuttora oggetto di studio, tra gli altri, anche dei linguisti e dei filosofi del linguaggio, per comprendere l’impatto di questo tipo di comunicazione sulle interazioni di tutti i giorni. L’oggetto del presente lavoro nasce dalla voglia di capire se all’interno del cosiddetto cyberspazio e in particolar modo all’interno delle chat-rooms esista o meno una politeness, ovvero quelle forme di cortesia linguistica che siamo soliti utilizzare nelle interazioni faccia a faccia di tutti i giorni. La Comunicazione mediata dal computer (da qui in poi CMC), sarà oggetto della prima parte di questo lavoro;verranno esposte in maniere generale alcune nozioni riguardo la storia e gli studi sulla CMC, per concentrarsi poi in particolar modo su una delle forme sincrone di comunicazione tramite computer, ovvero la chat. Nella seconda parte verranno analizzati i modelli più conosciuti della pragmatica riferita alla politeness, dei quali verrà approfondito in maniera particolare quello più conosciuto e applicato, ovvero quello di Brown e Levinson. Nella terza ed ultima parte si andrà poi ad analizzare un corpus di conversazioni on-line, in modo tale da stabilire gli elementi linguistici più frequenti e l’utilizzo o meno della cortesia linguistica.

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Denise Melillo Contatta »

Composta da 126 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1640 click dal 27/09/2007.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.