Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Natura ed effettività della tutela civile inibitoria

Nell’ambito del processo di cognizione è possibile distinguere tre tipologie di azioni processuali:l’azione di mero accertamento,l’azione di condanna e l’azione costitutiva.
Questa tripartizione,condivisa dalla dottrina maggioritaria,ha per lo più una valenza classificatoria in quanto essa non è avvalorata da alcuna norma di diritto positivo. Restano infatti escluse alcune forme di tutela che sono ritenute di incerta classificazione,previste dal codice civile e da numerose leggi speciali.
Mi riferisco in particolare alla tutela inibitoria ,intorno alla quale è aperto da decenni un acceso dibattito volto ad individuarne la natura e la concreta utilità. L’azione inibitoria è innanzi tutto uno strumento volto a garantire la tutela preventiva di determinate situazioni giuridiche;essa infatti è una tecnica di tutela giurisdizionale rivolta verso il futuro,a cui si aggiungono le tradizionali tutele di tipo risarcitorio e restitutorio che operano solo successivamente alla violazione del diritto.
Nei diversi ordinamenti i provvedimenti inibitori vengono previsti,in casi specifici o come rimedio generale,in quanto per la violazione di alcune tipologie di diritti non è sufficiente il risarcimento dei danni. In sostanza non si tratta di uno strumento atto a rafforzare la tutela di determinate situazioni privilegiate ma,al contrario,per garantire la protezione effettiva di diritti che altrimenti non sarebbero adeguatamente difesi.

Mostra/Nascondi contenuto.
  3 CAPITOLO 1 L’AZIONE CIVILE INIBITORIA:PROFILI GENERALI PARAGRAFO 1 FUNZIONE E PRESUPPOSTI DEL RIMEDIO INIBITORIO Nell’ambito del processo di cognizione è possibile distinguere tre tipologie di azioni processuali:l’azione di mero accertamento,l’azione di condanna e l’azione costitutiva. Questa tripartizione,condivisa dalla dottrina maggioritaria,ha per lo più una valenza classificatoria in quanto essa non è avvalorata da alcuna norma di diritto positivo. Restano infatti escluse alcune forme di tutela che sono ritenute di incerta classificazione,previste dal codice civile e da numerose leggi speciali. Mi riferisco in particolare alla tutela inibitoria 1 ,intorno alla quale è aperto da decenni un acceso dibattito volto ad individuarne la natura e la concreta utilità. L’azione inibitoria è innanzi tutto uno strumento volto a garantire la tutela preventiva di determinate situazioni giuridiche;essa infatti è una tecnica di tutela giurisdizionale rivolta verso il futuro,a cui si aggiungono le tradizionali tutele di tipo risarcitorio e restitutorio che operano solo successivamente alla violazione del diritto. Nei diversi ordinamenti i provvedimenti inibitori vengono previsti,in casi specifici o come rimedio generale,in quanto per la violazione di alcune tipologie di diritti non è sufficiente il risarcimento dei danni. In sostanza non si tratta di uno strumento atto a rafforzare la tutela di determinate situazioni privilegiate ma,al contrario,per garantire la protezione effettiva di diritti che altrimenti non sarebbero adeguatamente difesi. I presupposti di esperibilità dell’azione inibitoria si ricavano dall’analisi delle fattispecie espressamente disciplinate dalla legge. 1 Rapisarda-Taruffo,voce Inibitoria,in Enciclopedia giuridica Treccani,XVII,Roma, 1997, p.1

Laurea liv.I

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Valeria Boccaccio Contatta »

Composta da 66 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1896 click dal 27/09/2007.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.