Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il principio del pluralismo nel sistema radiotelevisivo comunitario

Il lavoro è diviso in due parti: nella Prima Parte, “Prospettive del diritto dell’informazione nell’ordinamento italiano”, si è proceduto analizzando la tutela del principio del pluralismo in ambito nazionale e le relative tutele disciplinari nell’ambito della libera concorrenza; nella Seconda Parte, “Diritto dell’informazione in Europa: cenni di comparazione”, si sono invece ripercorse le tappe fondamentali che hanno legittimato l’intervento comunitario nel settore delle comunicazioni e più specificatamente nell’ambito televisivo. Il presente contributo affronta in modo puntuale e chiaro, attraverso l'analisi di direttive, sentenze, leggi e articoli costituzionali il rispetto del principio del pluralismo nel settore della comunicazione televisiva di Italia, Francia, Germania e Inghilterra.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE L’argomento del presente lavoro, “Il principio del pluralismo nel sistema radiotelevisivo comunitario”, è motivato non solo dall’attualità della questione, oggetto di approfondimento e di discussione da parte di tutte le forze politiche, ma soprattutto dalle importanti problematiche giuridiche ed economiche ad esso connesse. Nell’intento di delineare un quadro esaustivo dell’ambito di ricerca, non si poteva tralasciare il ruolo, sempre più crescente in questo settore, della Comunità europea, i cui interventi hanno permesso di tracciare le linee guida a cui si sono ispirate le principali legislazioni europee. Il lavoro è quindi diviso in due parti: nella Prima Parte, “Prospettive del diritto dell’informazione nell’ordinamento italiano”, si è proceduto analizzando la tutela del principio del pluralismo in ambito nazionale e le relative tutele disciplinari nell’ambito della libera concorrenza; nella Seconda Parte, “Diritto dell’informazione in Europa: cenni di comparazione”, si sono invece ripercorse le tappe fondamentali che hanno legittimato l’intervento comunitario nel settore delle comunicazioni e più specificatamente nell’ambito televisivo. La Prima Parte, costituita da quattro capitoli affronta, nel primo capitolo, l’analisi del principio del pluralismo alla luce della definizione di comunicazione rintracciabile negli articoli costituzionali (in particolare dell’articolo 21 Cost.). 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Elisa Fanelli Contatta »

Composta da 329 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2255 click dal 28/09/2007.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.