Skip to content

Il movimento per l'autonomia siciliana

Informazioni tesi

  Autore: Carmelo Sciarrabba
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Scienze della Comunicazione
  Corso: Comunicazione d'impresa
  Relatore: Michele Prospero
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 323

La comparsa di movimenti e di lotte etnico-nazionali o etno-regionali nelle società tardo capitaliste, soprattutto in Europa , ha portato al centro dell’attenzione del dibattito politico l’identità territoriale.
Tra questi vi è il movimento per l’Autonomia siciliana di Raffaele Lombardo che fa la sua comparsa il 30 aprile 2005, con la presentazione di quattro liste alle comunali di Catania, ottenendo un notevole successo con il 23 per cento circa.
L’mpa nasce dopo un dissenso tra ‘on. Raffaele Lombardo, allora segretario regionale dell’Udc siciliana e la stessa segreteria.
Dalla ricerca si può evincere come il Movimento per l’autonomia di Raffaele Lombardo sia più un partito con una propria struttura gerarchica, partecipando a tutte le competizioni elettorali, infatti la sua azione politica si sviluppa sia nelle istituzioni con forme di protesta che rientrano nella tipica prassi politica della democrazia rappresentativa parlamentare, come ad esempio l’iniziativa di protesta con le maschere antigas svolta da un gruppo di parlamentari dell’Mpa e sia all’esterno delle istituzioni con le modalità e le caratteristiche che costituiscono un movimento come ad esempio la manifestazione pro ponte organizzata a Messina e poi a Roma e quella contro le raffinerie di petrolio dislocate in Sicilia e che vengono alimentate ancora a carbone.
L’Mpa è un partito nazionale su base regionale, infatti il cuore del suo elettorato risiede in Sicilia con una forte concentrazione nella parte orientale dell’isola, tale da riuscire a diventare nelle ultime consultazioni elettorali il primo partito nella provincia etnea.
Comunque l’Mpa riesce a percepire consensi elettorali in tutte le regioni del Sud d’italia, anche effettuando accordi elettorali con partiti locali come ad esempio quello stipulato il 23 marzo 2007 tra l’Mpa ed il Mat, Movimento autonomo toscano per le amministrative di primavera 2007, che concorreranno nelle stesse liste, da questo si può supporre come l’Mpa di Raffaele Lombardo in un futuro prossimo possa diventare il partito del Sud per dare maggiore risalto alla questione Meridionale.
Mpa come si può notare è un partito di notabili, in quanto gli individui che rappresentano la classe dirigente del Movimento sono in grado di agire continuativamente senza uno stipendio, in virtù della loro condizione economica agiata, infatti per la maggior parte è rappresentata da professionisti che operano nel settore della Sanità e più della metà sono laureati in Medicina.
Il fenomeno dell’Mpa in particolare nell’arena politica ha animato il dibattito politico italiano, confermando la Sicilia come un vero e proprio laboratorio politico, infatti nelle ultime competizioni elettorali per il rinnovo dei deputati siciliani all’Ars, l’Mpa si attesta come secondo partito più votato nel centro-destra insieme all’Udc che ne esce da questa competizione molto ridimensionata come d’altronde anche Forza Italia e in misura minore anche l’area cattolica e socialista del centro sinistra in Sicilia vengono ridimensionati.
Per quanto riguarda l’identità, l’Mpa è un movimento che trae le sue origini da quelle cristiane, è interclassista e non settario, questo lo si può evincere anche dal simbolo dell’Mpa in cui vi è raffigurata una colomba che vola su nel cielo azzurro e tenendo sul becco un nastro tricolore, tale simbolo non richiama in nessun modo alla sicilianità o alla sicilia come invece avviene per la lega nord di Umberto Bossi in cui nel simbolo viene raffigurato un condottiero evidente richiamo a radici lontane dei lombardi.
Una componente identitaria molto importante per l’Mpa ed il suo leader Raffaele Lombardo è stata e continua ad essere il ponte sullo stretto di Messina, tale da costituire uno dei punti primari nelle contrattazioni prima delle alleanze con gli esponenti politici dei due poli e poi riproposto come merce di scambio per la fiducia ad un Prodi Bis nelle due camere.
Un'altra componente importante è quella ambientale, il movimento ed il suo leader sono molto sensibili a queste tematiche, infatti il on Raffaele Lombardo ha intrapreso uno sciopero della fame durato diciotto giorni contro le raffinerie di petrolio dislocate in sicilia e alimentate ancora con il petcoke, meglio conosciuto come catrame, le cui emissioni risultano molto dannose per la salute provocando malformazioni neonatali
Concludo dicendo che a mio avviso è possibile che l’Mpa possa ancora crescere elettoralmente, favorito anche dal tramonto della competizione ideologica dei partiti tradizionali, infatti in molte regioni d’Europa l’identità territoriale e di conseguenza i movimenti etno-regionali sembrano prevalere sulle antiche appartenenze ideologiche o di classe, favorendo così il riemergere di antiche identità.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE Negli ultimi anni si è assistito al risveglio di movimenti etnoregionali, che ha coinvolto soprattutto l’Europa. Questo proliferare di movimenti regionali è un fenomeno che in Sicilia si è manifestato con la nascita del Movimento per l’autonomia di Raffaele Lombardo La mia ricerca ha voluto introdurre, per una migliore comprensione, il contesto storico culturale e politico in cui in Sicilia si sviluppa l’autonomia e descrivendo gli eventi che hanno portato poi i Siciliani, dopo diverse vicissitudini a dotarsi di uno Statuto “Speciale” è quindi di autogovernarsi. La struttura della ricerca ha voluto approfondire due approcci: uno di tipo storico istituzionale e l’altro politologico organizzativo e strutturale del movimento. Nel primo viene messo in evidenza i movimenti etnoregionali che hanno animato il dibattito politico in questi anni analizzando dapprima la storia del Movimento per l’autonomia descrivendo le diverse competizione elettorali che l’hanno visto partecipe. Successivamente l’analisi della ricerca sul Mpa approfondisce l’approccio organizzativo e strutturale del Movimento per l’autonomia descrivendo la sua dislocazione territoriale che si estende anche fuori dai confini regionali. L’azione politica del Movimento per l’autonomia si sviluppa sia nelle istituzione con forme di protesta che rientrano nella prassi politica della democrazia rappresentativa parlamentare e sia all’esterno delle istituzioni con le modalità e le caratteristiche che costituiscono un movimento. Il capitolo si conclude descrivendo l’identità e l’ideologia indicando anche le prospettive future del Movimento per l’autonomia. La Sicilia si conferma un vero laboratorio politico per il panorama politico italiano.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

etnia
etnoregionalismi
movimenti autonomisti
partiti regionali
partito del sud
pensiero autonomista

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi