Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Requisiti per l'innovazione: il ruolo chiave del Champion

In un mondo in cui la competizione diventa sempre più intensa e in cui la turbolenza e complessità ambientale aumentano esponenzialmente, le possibilità di sopravvivenza e di successo di un’organizzazione dipendono, in gran parte, dalla sua capacità innovativa (Zaltman et al., 1973; Bigoness e Perrault, 1981, Mumford e Licuanan, 2004). Per questo motivo negli ultimi decenni è stata posta una crescente attenzione sull’individuazione dei fattori che possono facilitare od ostacolare l’innovazione. Una delle variabili che è stata maggiormente associata al successo del processo innovativo è la presenza di un Champion. Il Champion è stato descritto come quel individuo che emerge informalmente all’interno dell’organizzazione e apporta un contributo decisivo al processo innovativo sostenendo vigorosamente e con entusiasmo il progresso dell’innovazione durante le fasi più critiche (Achilladelis et al., 1971). Nonostante il contributo del Champion al successo innovativo sia stato ritenuto fondamentale in numerosi lavori (Schon, 1963; Chakrabarti, 1974; Rothwell et al. 1974; Maidique, 1980) tale figura è stata quasi sempre identificata aneddoticamente andando a riflettere quelle che sono le impressioni del ricercatore e mancando quindi di oggettività.

Questo lavoro ha come obiettivo finale l’elaborazione di un modello per l’identificazione rigorosa e affidabile della figura del Champion all’interno di un’organizzazione. Per raggiungere tale scopo, il modello di individuazione del Champion proposto da Howell e Higgins (1990) è stato modificato al fine di includere solo le caratteristiche che possono essere misurate in maniera sistematica utilizzando modelli psicologi di nota affidabilità. La scelta di quali caratteristiche includere nel modello è stata raggiunta tramite un’analisi approfondita della letteratura sul Champion, sull’imprenditorialità, sulla leadership e sui processi d’influenza. Il contributo apportato da questo lavoro consiste nello sviluppo di un modello che permetta un’individuazione della figura del Champion ex-ante la sua attività di supporto e promozione alle nuove idee.

Nella presente tesi, dopo aver dato una definizione di Champion e averne analizzato l’evoluzione nel corso del tempo, viene presentato, nel capitolo 3, il modello di identificazione proposto. I capitoli 4, 5 e 6 vengono dedicati ad una descrizione approfondita di ciascuno dei tre elementi che costituiscono il modello di individuazione: le caratteristiche personali del Champion, lo stile di leadership che questo adotta ed infine le tattiche di influenza che utilizza.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 1. Introduzione In un mondo in cui la competizione diventa sempre piø intensa e in cui la turbolenza e complessit ambientale aumentano esponenzialmente, le possibilit di sopravvivenza e di successo di un organizzazione dipendono, in gran parte, dalla sua capacit innovativa (Zaltman et al., 1973; Bigoness e Perrault, 1981, Mumford e Licuanan, 2004). Per questo motivo negli ultimi decenni Ł stata posta una crescente attenzione sull individuazione dei fattori che possono facilitare od ostacolare l innovazione. Una delle variabili che Ł stata maggiormente associata al successo del processo innovativo Ł la presenza di un Champion. Il Champion Ł stato descritto come quel individuo che emerge informalmente all interno dell organizzazion e e apporta un contributo decisivo al processo innovativo sostenendo vigorosamente e con entusiasmo il progresso dell innovazione durante le fasi piø critiche (Achilladelis et al., 1971). Nonostante il contributo del Champion al successo innovativo sia stato ritenuto fondamentale in numerosi lavori (Schon, 1963; Chakrabarti, 1974; Rothwell et al. 1974; Maidique, 1980) tale figura Ł stata quasi sempre identificata aneddoticamente andando a riflettere quelle che sono le impressioni del ricercatore e mancando quindi di oggettivit . Questo lavoro ha come obiettivo finale l elaborazione di un modello per l identificazione rigorosa e affidabile della figura del Champion all interno di un organizzazione. Per raggiungere tale scopo, il modello di individuazione del Champion proposto da Howell e Higgins (1990) Ł stato modificato al fine di includere solo le caratteristiche che possono essere misurate in maniera sistematica utilizzando modelli psicologi di nota affidabilit . La scelta d i quali caratteristiche includere nel

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Andrea Scarbolo Contatta »

Composta da 73 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 716 click dal 04/10/2007.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.