Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Sorokin. L'Eros di Mosca

la mia tesi è la traduzione di un puro canto d'amore su una città, su tutte le città, tratto i problemi di traduzione che si incontrano nel voler restituire in una lingua diversa ciò che non si possiede o non si intende, avvicinandomi all'universo di Sorokin e di tutta la fascia di autori che come e prima di lui tentano di usare la lingua, la letteratura con sagacia ed ironia, per scuotere le menti e mostrare come si veda oltre

Mostra/Nascondi contenuto.
4 CAPITOLO I PREMESSA "A quella stessa ora del 2 settembre Napoleone si trovava fra le sue truppe sulla collina Poklonnaja e osservava lo spettacolo che gli si apriva davanti [...] Lo splendore della mattinata era di magia. Dalla collina Poklonnaja Mosca si stendeva in tutta la sua ampiezza, con il suo fiume, i suoi giardini, le sue chiese, e pareva vivere di vita propria, con le cupole tremolanti nel sole come se fossero stelle. Alla vista di quella strana città dalle forme mai vedute di un'inconsueta architettura, Napoleone sentiva quella curiosità un pò invidiosa e inquieta che gli uomini sentono in cospetto delle forme d'una vita estranea che li ignora. Evidentemente quella città viveva con tutte le forze della sua vita. Per quegli indizi indefinibili che a grande distanza ci fanno distinguere senza errore un corpo vivente da un cadavere, Napoleone, dalla collina Poklonnaja, vedeva il palpitare della vita nella città, e quasi vedeva il respiro di quel gran corpo bellissimo. Ogni russo che guardi Mosca sente che Mosca è la madre; ogni straniero che la guardi, pur ignorandone il significato materno, non può non sentire il carattere femminile della città, e Napoleone lo sentiva. <<Cette ville asiatique aux innombrables églises, Moscou la sainte, la voilà donc, cette fameuse ville. Il était temps!>> disse Napoleone; e dopo essere sceso di sella ordinò che gli fosse spiegata dinanzi la carta topografica di quella Moscou [...] <<Une ville occupée par l'ennemi

Tesi di Laurea

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere

Autore: Annalisa Giammanco Contatta »

Composta da 130 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1068 click dal 09/10/2007.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.