Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Heritage tourism

Obiettivo del presente lavoro è l’analisi dal punto di vista sociologico dello heritage tourism: una particolare forma di turismo oggi in rapida espansione, le cui origini parlano inglese.
Nel primo capitolo (“Lo Heritage Tourism”), prendendo in esame più definizioni che di esso sono state date, inizierò a precisare quali pratiche turistiche siano classificabili come heritage tourism e cosa sia, più in particolare, lo heritage. Vedremo che tale concetto non è uniforme, ma esiste a diversi livelli, dal mondiale all’individuale, a seconda del tipo di destinatario coinvolto.
Nel secondo capitolo (“Gli elementi dello heritage tourism”) mi concentrerò sulle caratteristiche più peculiari di questa forma di turismo: il ruolo centrale del “passato”, la necessità di un forte legame tra il passato oggetto dello heritage tourism e il soggetto fruitore, il ruolo centrale dell’attività di interpretazione di questo passato. Successivamente analizzerò il rapporto emblematico tra heritage tourism e ricerca dell’autenticità dell’esperienza vissuta, per poi giungere ad evidenziare come questo comportamento turistico sia in realtà la concretizzazione del bisogno di appartenenza ad una comunità di riferimento (reale o simbolica) e della ricerca della propria identità.
Nel terzo capitolo (“Il turismo culturale ieri e oggi”) prenderò in esame il turismo culturale in qualità di ‘antenato’ dello heritage tourism. Dopo una breve trattazione sulla storia di questo tipo di turismo (antichissimo e ancora attuale), analizzerò gli elementi di distinzione dallo heritage tourism, in quanto ancora oggi vengono spesso erroneamente associati.
Nel quarto e ultimo capitolo (“La fruizione dello heritage tourism”) parlerò più concretamente del pubblico di riferimento dello heritage tourism, analizzandolo dal punto di vista demografico, geografico e psicografico, per poi passare a considerare le mete turistiche che possono attrarre plausibilmente un turismo di tipo “heritage”.
Mentre all’estero il filone dello heritage tourism è piuttosto fiorente, sia come dibattito scientifico che come proposta turistica, la letteratura sullo heritage tourism in Italia è alquanto ridotta e risale agli ultimi due/tre anni; più numerose sono invece le fonti in relazione al turismo culturale. La bibliografia presenta alcuni testi sullo heritage tourism, oltre che alcuni ‘classici’ della sociologia del turismo che rappresentano lo ‘sfondo’ concettuale di un discorso sul turismo a base heritage. Per la bibliografia ci si è anche avvalsi di alcuni siti internet, per il loro riferirsi a un turismo di livello europeo e mondiale.

Mostra/Nascondi contenuto.
3INTRODUZIONE Obiettivo del presente lavoro è l’analisi dal punto di vista sociologico dello heritage tourism: una particolare forma di turismo oggi in rapida espansione, le cui origini parlano inglese. Nel primo capitolo (“Lo Heritage Tourism”), prendendo in esame più definizioni che di esso sono state date, inizierò a precisare quali pratiche turistiche siano classificabili come heritage tourism e cosa sia, più in particolare, lo heritage. Vedremo che tale concetto non è uniforme, ma esiste a diversi livelli, dal mondiale all’individuale, a seconda del tipo di destinatario coinvolto. Nel secondo capitolo (“Gli elementi dello heritage tourism”) mi concentrerò sulle caratteristiche più peculiari di questa forma di turismo: il ruolo centrale del “passato”, la necessità di un forte legame tra il passato oggetto dello heritage tourism e il soggetto fruitore, il ruolo centrale dell’attività di interpretazione di questo passato. Successivamente analizzerò il rapporto emblematico tra heritage tourism e ricerca dell’autenticità dell’esperienza vissuta, per poi giungere ad evidenziare come questo comportamento turistico sia in realtà la concretizzazione del bisogno di appartenenza ad una comunità di riferimento (reale o simbolica) e della ricerca della propria identità. Nel terzo capitolo (“Il turismo culturale ieri e oggi”) prenderò in esame il turismo culturale in qualità di ‘antenato’ dello heritage tourism. Dopo una breve trattazione sulla storia di questo tipo di turismo (antichissimo e ancora attuale), analizzerò gli elementi di distinzione dallo heritage tourism, in quanto ancora oggi vengono spesso erroneamente associati. Nel quarto e ultimo capitolo (“La fruizione dello heritage tourism”) parlerò più concretamente del pubblico di riferimento dello heritage tourism, analizzandolo dal punto di vista demografico, geografico e

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Cristina Forcherio Contatta »

Composta da 66 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7539 click dal 10/10/2007.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.